1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Aprire i suoni con uno Stereo Enhancer

Discussione in 'Finalizzazione e Mastering' iniziata da GieiJ, 27 Ott 2017.

  1. GieiJ

    GieiJ Utente Molto Attivo Studente Base Computer Music

    Registrato:
    6 Lug 2015
    Messaggi:
    27
    "Mi Piace" ricevuti:
    9
    Sequencer:
    FL STUDIO 12
    Ciao ragazzi, volevo chiedervi a voi più esperti:

    Ma per aprire un suono (Dx & Sx) come si fa?

    Sviluppo la domanda in modo più chiaro. Non parlo di pannaggio perché in quel caso sposto IL Suono. A me interessa aprire Quel Suono. Ho visto che ci sono gli stereo enhancer ma non so bene fome si usino

    Quali sono le teorie base da sapere per non combinare una catastrofe? Ci sarà pure una teoria dietro sul loro utilizzo giusto? Per carità bisogna anche sperimentare ma sapendo ciò che si fa!!!

    Grazie in anticipo Guys!!!
     
    27 Ott 2017
    #1
  2. Sky Crawler

    Sky Crawler Colonna del Forum

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    694
    "Mi Piace" ricevuti:
    462
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    La "base" è a mio parere capire cosa c'è dietro al funzionamento dei tool di cui disponiamo.

    Abbiamo parlato in svariate discussioni di questi processori, penso di non sbagliare dicendo che più o meno si è stato sempre generalmente d'accordo su quanto segue...

    Si potrebbe dire che l'uso di una qualunque matrice M/S, con la conseguente possibilità di alterare il volume di mid e side, sia una sorta di "stereo widener" (tutti sappiamo che, aumentando il livello del side o diminuendo quello del mid, otteniamo maggior sensazione di stereofonia).

    In realtà, un vero e proprio stereo widener ha un funzionamento più complesso (ed un risultato sonoro diverso) che sfrutta principi di delay, crosstalk, gestione della fase, filtering (eq), etc. al fine di ottenere la "magia" :D.

    All'inizio può gasarti e sembrarti la svolta del secolo, in realtà stai effettuando un intervento delicato che, soprattutto nel momento in cui si esagera, finisce per disintegrare la sorgente su cui stai agendo.

    In soldoni...Cosa succede se esageri?
    Suono appannato, diminuzione basse/medio basse, diminuzione dei transienti, harshness, notevole peggioramento della mono compatibilità...

    Il consiglio sull'utilizzo degli stereo enhancer è vecchio di secoli ma a mio avviso sempre buono: Con parsimonia.

    Non è qualcosa da usare su tutte le tracce. Se sei in dubbio, non usarlo. Se decidi di usarlo sul master, magari provane uno multibanda e lascia intatta la parte bassa e medio bassa dello spettro.

    Purtroppo questi processori vengono spesso scambiati come la scorciatoia per ottenere mix che suonano "larghi" e, soprattutto i neofiti, tendono ad abusarne.
    In realtà se abusi nell'utilizzo di questi attrezzi finisci solo per avere mix che suonano fini, per nulla mono compatibili e harsh.

    La strada per ottenere "il mix che suona largo" è a mio avviso molto diversa e segue principi che vanno in direzione opposta rispetto alle problematiche innescate da questi processori.

    Comunque, se scelti bene (suonano tutti diversi) e usati bene sul materiale adatto, possono sicuramente essere un effetto piacevole.

    Da ricordare che molti stereo wideners funzionano solo se utilizzati su materiale stereo.
    Altri, sono in grado di funzionare anche su sorgenti mono.
     
    29 Ott 2017
    #2
  3. gian73

    gian73 Vincitore della canzone del mese Utente VIP

    Registrato:
    13 Apr 2016
    Messaggi:
    290
    "Mi Piace" ricevuti:
    116
    Sequencer:
    logic x
    In più aggiungo che quando fai queste procedure, devi tenere sempre sott'occhio la correlazione di fase
     
    30 Ott 2017
    #3
  4. mixe

    mixe Colonna del Forum

    Registrato:
    1 Ago 2017
    Messaggi:
    284
    "Mi Piace" ricevuti:
    169
    Spesso parliamo del suono e delle sue dinamiche in modi differenti. Rileggendo la sua domanda, mi chiedo quale sia esattamente l'effetto che @GieiJ vuole ottenere quando parla di "aprire il suono", e se sia davvero la stereofonia quello su cui vuole/deve intervenire.
    Ad esempio, in certi casi la sensazione di apertura/chiusura si ottiene attraverso l'equalizzazione di uno strumento (come i filtri Low-Pass nei synth) o con la gestione di un effetto come un phaser o chorus; accorgimenti come questi sono indipendenti dalla gestione della stereofonia (e non hanno le controindicazioni che fa notare @Sky Crawler ).
     
    30 Ott 2017
    #4
  5. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.124
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.293
    Sequencer:
    Ableton live 10
    io lo stereo enhancer lo tengo come ultima spiaggia.... cioé prima un suono cerco di tirarlo a dovere e poi in caso vado ad aprire stereo, e se lo faccio vado sempre in multibanda per tenere le basse piu centrali....
    solitamente lo stereo enhancer é un effetto che si usa in mix/mastering piu che in produzione....
     
    30 Ott 2017
    #5