1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Armonia, Tonalità, Scale

Discussione in 'Composizione e Arrangiamento' iniziata da Topeji, 25 Set 2008.

  1. Topeji

    Topeji Utente Molto Popolare

    Registrato:
    28 Mar 2006
    Messaggi:
    58
    "Mi Piace" ricevuti:
    42
    Sequencer:
    FL 11
    Riuscire a percepire una tonalità non è facile ammeno che nel corso degli mesi di esperienza uno non riesca a sviluppare un udito cosi fine da riconoscere la tonalità di un pezzo appena viene suonato.:D

    Posso riportarvi un po di praticità da quello che ho imparato io in modo che a tutti venga reso piu facile perché molti libri sono buoni ma danno per scontato che chi legge sappia gia qualcosa di teoria.

    Vediamo se riesco a scrivere qualcosa di pratico..:D
    Allora..le tonalità si dividono in tonalità maggiori e minori. Le scale maggiori ci servono per riuscire a conoscere le alterazioni presenti in una tonalità.
    Tutte le scali minori si dividono in due tipi..esistono scala minore melodica e armonica dove vi è una variazione delle alterazioni tra il 6° e il 7° grado della scala.
    Esempio:
    Parliamo della scala di LA minore melodica. La scala minore melodica è strutturata con un aumento di un semitono per il sesto e il settimo grado. Così:

    LA SI DO RE MI FA# SOL# LA. Vi è un aumento di un semitono della sesta e settima nota.

    A differenza della melodica, la scala minore armonica presenta un aumento di un semitono solo al settimo grado. Così:

    LA SI DO RE MI FA SOL# LA. Vi è un aumento di un semitono solo alla settima nota.


    Per trovare il nome della scala minore basta scendere 3semitoni dalla nota della tonalità maggiore.Se ad esempio abbiamo La Maggiore sappiamo che la prima nota della scala è La quindi scendendo tre semitoni dal La Arriviamo al Fa#.A quel punto potremo dire che la tonalità Minore di La Maggiore è Fa#Minore.
    Entrambe le tonalità presentano le stesse note facendo eccezione x le scale minori melodiche e armoniche.
    Possiamo risalire alla tonalità di un pezzo in tre modi:guardando le prime note che vengono suonate,dalle alterazioni(accidenti) che sono presenti nel pezzo oppure conoscendo solo le alterazioni.
    Si fa distinzione poi tra i diesis(#) e i bemolli(b) poichè hanno una via differente per arrivare alla completa conoscenza della tonalità. Esistono poi anche i Doppi Diesis chiamati "Bequadro(##)" e i doppi Bemolli chiamati "Doppi Bemolli(bb)"


    Prendiamo in considerazione i Diesis e la tonalità di SOL maggiore(MI minore la corrispettiva). Come facciamo a sapere quante alterazioni ha questa scala?
    Semplice ma efficace!:D prendiamo il SOL che è la nota principale della tonalità e scendiamo di un semitono da quella nota arrivando cosi al FA#. Seguendo questa via facciamo un altro passo ovvero andremo a seguire questa sequenza:
    FA# DO#SOL#RE#LA#MI#SI# andando a ricercare cosi la nota a cui eravamo arrivati scendendo di un semitono dal Sol che è sempre la nota principale della tonalità.

    In questo caso vediamo che il FA# è la prima che abbiamo visto nella sequenza quindi potremo dire che la scala di SOL maggiore presenta solo un alterazione ovvero il FA#.Importante: seguite sempre la sequenza in questione nell'ordine in cui ho scritto le note perché qui si tratta di teoria e di cose al di sopra delle nostre conoscenze:D
    Altro esempio con più alterazioni.Prendiamo in considerazione la scala di LA maggiore(FA#minore la corrispettiva).Scendiamo un semitono da LA e arriviamo a SOL# quindi ripetiamo la sequenza di prima: FA#DO#SOL#RE#LA#MI#SI#. Notiamo a questo punto che il SOL#si trova al terzo posto della sequenza quindi semplicemente noi diremo che la scala di LA maggiore presenta 3 alterazioni ovvero FA#DO#SOL#.Adesso che abbiamo il metodo x riconoscere le alterazioni in una scala..possiamo chiederci: come facciamo a sapere in quale tonalità stiamo suonando conoscendo solo le alterazioni?
    La risposta è semplice..basta invertire il metodo.Esempio. Sapendo che abbiamo queste alterazioni FA#DO#SOL#RE#LA# come facciamo a sapere come si chiama la tonalità in cui stiamo suonando?Basta saliredi un semitono dall'ultima alterazione della sequenza e abbiamo trovato la tonalità.Quindi da LA# saliamo di un semitono e arriviamo al SI. Questo significa che la tonalità in questione sarà SI maggiore(SOL#minore la corrispettiva).

    Parliamo adesso dei Bemolli(b). Il metodo di comprensione qui cambia quindi fate attenzione a distinguere i Diesis dai Bemolli.
    Stessa domanda di prima adesso. Come facciamo a sapere quante alterazioni(in questo caso Bemolli) vi sono in una determinata scala?
    Prendiamo in considerazione la scala di LAb maggiore(Fa minore la corrispettiva).
    Sapendo che stiamo parlando della scala di LAb maggiore prendiamo subito in considerazione la sequenza dei Bemolli:
    SIb MIb LAb REb SOLb DOb FAb
    Arrivati a questo punto andiamo a trovarci nella sequenza la nota della tonalità ovvero LAb che si trova al terzo posto. Oltre a queste tre note prenderemo in considerazione anche la nota dopo della sequenza ovvero REb e il gioco è fatto. La scala di LAb maggiore avrà quindi tra le sue alterazioni: SIb MIb LAb e REb.
    Altro esempio:
    Prendiamo in considerazione adesso la scala di MIb maggiore(DOminore la corrispettiva). Andando a consultare la sequenza dei Bemolli troveremo il MIb al secondo posto nella sequenza e inseriremo tra le alterazioni della scala anche la nota dopo che vi è nella sequenza quindi: SIb MIb LAb REb SOLb DOb FAb. Quindi La scala di MIb maggiore presenta tre alterazioni ovvero SIb MIb LAb.
    Per trovare la tonalità avendo a disposizione solo le alterazioni basta fare anche qui il procedimento inverso.
    Esempio:
    Abbiamo cinque alterazioni ovvero SIb MIb LAb REb SOLb. La tonalità che presenta 5 alterazioni sarà REb poichè è bastato tornare indietro di una nota nella sequenza dall'ultima nota(in questo caso il SOLb) e dire che il REb è la tonalità che ha 5 alterazioni.

    Vi riporto adesso tutte le tonalità con le corrispettive scale maggiori e minori(melodiche&armoniche).

    DO+: Do Re Mi Fa Sol La Si Do
    LA- Melodica/Armonica:La Si Do Re Mi Fa# Sol# La / La Si Do Re Mi Fa Sol# La

    SOL+: Sol La Si Do Re Mi Fa# Sol
    MI- Mel./Arm. :Mi Fa# Sol La Si Do# Re# Mi / Mi Fa# Sol La Si Do Re# Mi

    RE+ : Re Mi Fa# Sol La Si Do# Re
    SI- Mel./Arm. :cautious:i Do# Re Mi Fa# Sol# La# Si / Si Do# Re Mi Fa# Sol La# Si

    LA +: La Si Do# Re Mi Fa# Sol# La
    FA#- Mel/Arm:Fa#Sol# La Si Do#Re#Mi#Fa#/Fa#Sol#La Si Do#Re Mi#Fa#

    MI+ : Mi Fa# Sol# La Si Do# Re# Mi
    DO#- Mel/Arm: Do#Re#Mi Fa#Sol#La#Si#Do#/Do#Re#Mi Fa#Sol#La Si#Do#

    SI+: Si Do# Re# Mi Fa# Sol# La# Si
    SOL#- Mel/Arm:cautious:ol#La#Si Do#Re#Mi#Fa##Sol#/Sol#La#Si Do#Re#Mi Fa##Sol#

    FA#+:Fa# Sol# La# Si Do# Re# Mi# Fa#
    RE#- Mel/Arm:Re#Mi#Fa#Sol#La#Si#Do##Re#/Re#Mi#Fa#Sol#La#Si Do##Re#

    DO#+: Do# Re# Mi# Fa# Sol# La# Si# Do#
    LA#-Me/Ar:La#Si#Do#Re#Mi#Fa##Sol##La#/La#Si#Do#Re#Mi#Fa#Sol##La#

    FA+: Fa Sol La Sib Do Re Mi Fa
    RE-Melodica/Armonica:Re Mi Fa Sol La Si Do# Re/Re Mi Fa Sol La Sib Do# Re

    SIb+:cautious:ib do re Mib Fa Sol La Sib
    SOL-Me./Ar. :cautious:ol La Sib Do Re Mi Fa# Sol/ Sol La Sib Do Re Mib Fa# Sol

    MIb+: Mib Fa Sol Lab Sib Do Re Mib
    DO- Me/Ar: Do Re Mib Fa Sol La Si Do/Do Re Mib Fa Sol Lab Si Do

    LAb+:Lab Sib Do Reb Mib Fa Sol Lab
    FA- Me/Ar:Fa Sol Lab Sib Do Re Mi Fa/Fa Sol Lab Sib Do Reb Mi Fa

    REb+:Reb Mib Fa Solb Lab Sib Do Reb
    SIb- Me/Ar:cautious:ib Do Reb Mib Fa Sol la Sib/Sib Do Reb Mib Fa Solb La Sib

    SOLb+: Solb Lab Sib Dob Reb Mib Fa Solb
    MIb- Me/Ar:Mib Fa Solb Lab Sib Do Re Mib/Mib Fa Solb Lab Sib Dob Re Mib

    DOb+: Dob Reb Mib Fab Solb Lab Sib Dob
    LAb+ Me/Ar:Lab Sib Dob Reb Mib Fa Sol LaB/Lab Sib Dob Reb Mib Fab Sol Lab



    Esistono dei metodi per capire precisamente in quale tonalità si sta suonando e ho accennato qualcosa qui. Se volete poi potete comprare vari libri dove viene spiegata tutta la teoria musicale;consiglio "Teoria Musicale" di Luigi Rossi.
    Queste sono solo alcune nozioni che credo siano importanti per cominciare a capire questo bel mondo che è la musica. Spero di essere stato almeno un po chiaro per quello che è stato possibile. Purtroppo non sono un maestro e non ho fatto tanti insegnamenti da poter sviluppare il modo di rendere più facile il tutto a colui che ascolta ma se avete qualunque dubbio( e sono sicuro che ce l'avrete perché sicuramente avrò dimenticato qualcosa) non esitate a chiedere e vedrò di spiegarvi meglio il tutto e altre cose riguardanti l'argomento.

    Non mi resta che augurarvi buona Musica e buon viaggio:D[CCSTANDARD][/CCSTANDARD]
     
    25 Set 2008
    #1
    A 16 utenti piace questo elemento.
  2. Acta est fabula

    Acta est fabula Ospite

    bella guida lol :D
     
    26 Set 2008
    #2
  3. DjSopy

    DjSopy Rain Man

    Registrato:
    16 Feb 2008
    Messaggi:
    3.886
    "Mi Piace" ricevuti:
    454
    Sequencer:
    FL Studio, Live
    Mo me la stampo:D
     
    26 Set 2008
    #3
  4. alexpalermus

    alexpalermus Partecipante

    Registrato:
    13 Set 2008
    Messaggi:
    22
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Sequencer:
    Reason
    mi dispiace non l'ho letto tutto ma ho letto una cosa che mi ha lasciato scandalizzato!!!
    il doppiodiesis lo hai chiamato bequadroooo!! aaa!!
    il bequadro sarebbe un simbolo (non mi ricordo come farlo potete vederlo qui http://it.wikipedia.org/wiki/Bequadro)
    dicevo sarebbe un simbolo che posto vicino la nota la porta allo stato naturale (quindi una nota alterata già in precedenza)

    il doppiodiesis viene indicato con una X prima della nota e come dice la parola altera la nota di 2 diesis.

    hai dimenticato di dire anche che la scala minore melodica (che sale col sesto e settimo grado alterati) scende al naturale o meglio senza le alterazioni aggiuntive ma mantenendo quelle della relativa maggiore ( strano ma dice che nella discendente mantiene il 6 e 7 alterato su wikipedia ma io negli esercizi che ho fatto e negli studi ho capito che scende al naturale e ne sono sicuro! )

    quella minore armonica invece sale e scende col settimo alterato che permette di formare quindi la sensibile (che sarebbe l'ultimo grado della nota che dista 1 semitono dal 1 grado che si chiama tonica) *se l'ultimo grado dista un tono si chiama sottotonica e ciò avviene nella minore naturale.


    penso di aver corretto qualche cosa...ricordo che devo iniziare il 3 anno di solfeggio in conservatorio ( anche se ho ancora qualche lacuna naturalmente) di solito il diploma di solfeggio si prende al 3 anno ma io lo prenderò al quarto perché così prevede la materia mia cioè strumenti a percussione.


    vi saluto :D:D
     
    26 Set 2008
    #4
  5. Mela

    Mela Utente Attivo

    Registrato:
    20 Lug 2008
    Messaggi:
    676
    "Mi Piace" ricevuti:
    18
    Sequencer:
    Cubase SX 3
    La guida è utile... però per leggere e capire queste cose ci vogliono dietro diverse conoscenze di teoria... uno leggendo ad esempio il metodo per trovare la relativa minore di una scala maggiore giustamente potrebbe dire: "Ma a che me serve? Mi basta usare sempre le maggiori senza <<Sbattermi>> a tornare indietro di 3 semitoni!"

    Comunque hai fatto alcune imprecisioni:
    La scala minore si divide non in 2 altre scale ma in 3!
    Armonica e Melodica (menzionate) e naturale, cioè senza alcuna alterazione supplementare.

    E per capire ad orecchio la tonalità in cui si suona è molto difficile poichè (a meno che tu non abbia l'orecchio assoluto) se vuoi puoi capire gli intervalli tra le note, ma la tonica senza uno strumento intonato è difficile ricavarla. Infatti quando ho chiesto al mio insegnante di Teoria e Solfeggio (26 anni di pianoforte, 3 di sax e diverse collaborazioni mondiali anche con la Roland) di trascrivermi la sigla italiana di naruto, per trovare la tonalità l'ha suonata sul piano per capire la tonica della scala.

    Comunque... io toglierei "Armonia" dal titolo del topic! :coffee:
     
    26 Set 2008
    #5
  6. Topeji

    Topeji Utente Molto Popolare

    Registrato:
    28 Mar 2006
    Messaggi:
    58
    "Mi Piace" ricevuti:
    42
    Sequencer:
    FL 11
    Ehhh si ho dimenticato di menzionare ovviamente la scala minore naturale che non presenta alterazioni. Per quanto riguarda il moto ascendente e discendente dove vi è l'allunamento delle alterazioni nella scala minore armonica è vero ma in questa mini guida non gli ho dato rilevanza perché ho illustrato un po i canoni generali di tonalità e scale. Se poi si vuole andare sullo specifico io sono a disposizione:D

    Mi scuso per l'errore del bequadro confuso col doppio diesis. Purtroppo ho chiuso gli studi classici qualche anno fa fermandomi al quinto anno e quando molli un po gli studi perdi anche un po la dialettica:p

    Spero non abbia tralasciato qualche altra dimenticanza in questa testa sballata:D

    Per qualunque altro chiarimento non esitate a scrivere e vediamo se riesco a risolvervi un po i problemi.ciaoo
     
    26 Set 2008
    #6
  7. Francesco87

    Francesco87 Utente Molto Attivo

    Registrato:
    22 Lug 2008
    Messaggi:
    476
    "Mi Piace" ricevuti:
    50
    Sequencer:
    FL STUDIO
    una delle migliori del sito. un pò dispersiva ma come contenuti è ottima.
     
    27 Set 2008
    #7
  8. alexpalermus

    alexpalermus Partecipante

    Registrato:
    13 Set 2008
    Messaggi:
    22
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Sequencer:
    Reason
    new age che studi hai fatto e dove? conservatorio?
     
    27 Set 2008
    #8
  9. Topeji

    Topeji Utente Molto Popolare

    Registrato:
    28 Mar 2006
    Messaggi:
    58
    "Mi Piace" ricevuti:
    42
    Sequencer:
    FL 11
    Ehhh niente..un po di studi da privato sia di solfeggio che di pianoforte..
    Ho preso la licenza di solfeggio a 13anni..circa8 anni fa!quanto è passato..mi sento vecchio:D!l'anno dopo avevo provato a fare l'esame x darmi il quinto anno di pianoforte ma mi hanno bocciato..e avevo lasciato la musica!Poi qualke anima si è impossessata della mia testa..e adesso seguo la mia vita a tempo di musica!:D

    Ho pensato di postare tutta questa guida perché ogni tanto portiamo avanti qualke lavoro con un membro di questo forum(non faccio il nome:D) e ho visto che puoi avere tutte le conoscenze che vuoi su qualsiasi sequencer ma se non sai qualcosa di teoria musicale da poterla poi digitalizzare puoi fare poco e niente..quindi questa guida serve ai novelli che si affacciano ora in questo fantastico mondo!Grazie a tutti per i congratulation:D
     
    27 Set 2008
    #9
  10. WildJoker

    WildJoker Partecipante

    Registrato:
    18 Lug 2008
    Messaggi:
    49
    "Mi Piace" ricevuti:
    6
    Sequencer:
    Ableton Live 7
    Ottima guida...

    Aggiungerei qualche dettaglio in merito alle concatenazioni armoniche (tonali) delle scale, utilizzando le triadi, ovvero gli accordi a 3 tasti.
    Le varie scale citate da New_Age, presentano svariate possibilità di accordi, 7 in particolare (se trattiamo le triadi):

    I accordo -> TONICA
    II accordo -> SOPRA TONICA
    III accordo -> MEDIANTE CARATTERISTICA
    IV accordo -> SOTTO DOMINANTE
    V accordo -> DOMINANTE
    VI accordo - SOPRA DOMINANTE
    (VII accordo -> SENSIBILE)

    Il settimo accordo lo lasciamo in disparte... consideriamo il DO MAGGIORE, ma tutte le scale funzionano in maniera analoga. Le note del do maggiore sono DO RE MI FA SOL LA SI DO.
    I relativi accordi:
    I -> DO MI SOL
    II -> RE FA LA
    III -> MI SOL SI
    IV -> FA LA DO
    V -> SOL SI RE
    VI -> LA DO MI

    Per passare da un accordo all'altro di modo da creare l'armonizzazione, sfruttiamo alcune "regole" delle concatenazioni armoniche (tonali), ovvero ci sono alcuni passaggi "possibili" tra i vari accordi o meno.
    Questi passaggi rientrano in 4 categorie, ovvero:

    1. MAG -> MIN
    I -> VI
    IV - > II
    V -> III

    2. RAPPORTO DOMINANTICO
    V -> I
    VI -> II
    I -> IV
    II -> V
    III -> VI

    3. CADENZE
    V -> I (cadenza perfetta)
    IV -> I (cadenza plagiale)
    V -> VI (cadenza d'inganno)

    4. GIRO ARMONICO
    VI -> IV
    IV -> V
    V -> IV (di solito solo in musica pop/moderna)

    Questi passaggi che vi ho scritto sono applicabili a tutte le scale, queste sono alcune parti teoriche di base per armonizzare un brano.
    Vi consiglio di prendere brani come Imagine, Enola gay o Hey Jude, brani rigorosamente in do maggiore dove noterete che tutto ciò che vi ho detto è applicabile, tranne in alcuni passaggi in Imagine dove il brano si sposta di scala e a un determinato accordo ci sono delle "eccezioni".

    Spero vi sia utile ;)
     
    1 Ott 2008
    #10
  11. Mela

    Mela Utente Attivo

    Registrato:
    20 Lug 2008
    Messaggi:
    676
    "Mi Piace" ricevuti:
    18
    Sequencer:
    Cubase SX 3
    Bravo!
    Però hai dimenticato la cadenza evitata, sospesa, frigia e in battere o in levare :xD:
     
    1 Ott 2008
    #11
  12. WildJoker

    WildJoker Partecipante

    Registrato:
    18 Lug 2008
    Messaggi:
    49
    "Mi Piace" ricevuti:
    6
    Sequencer:
    Ableton Live 7
    Mela hai fatto bene a precisare però la cadenza evitata è la stessa cosa della cadenza d'inganno... La frigia l'ho evitata perché si basa su movimenti di un semitono del basso e non volevo complicare le cose ;)

    Per il tempo penso che tutti sappiano come giocare con il battere e il levare :)
     
    1 Ott 2008
    #12
  13. Mela

    Mela Utente Attivo

    Registrato:
    20 Lug 2008
    Messaggi:
    676
    "Mi Piace" ricevuti:
    18
    Sequencer:
    Cubase SX 3
    :LOL: .
     
    2 Ott 2008
    #13
  14. Topeji

    Topeji Utente Molto Popolare

    Registrato:
    28 Mar 2006
    Messaggi:
    58
    "Mi Piace" ricevuti:
    42
    Sequencer:
    FL 11
    Interessante..queste scommetto siano regole di armonia che si studiano dal 6 anno di conservatorio in poi ma io nnci sono mai arrivato!Non so se tutti,soprattutto chi è ancora alle prime armi, riesca a capire cose cosi!Però sono cose molto utili che non sapevo nemmeno io!I forum sn belli proprio perché puoi imparare sempre cose nuove!:D

    Grazie ragazzi..!Io ora come ora sto scrivendo l'origine della scala musicale..anche x farci capire un po da dove viene tutta la nostra musica!Se avete idee a riguardo fatemelo sapere che vediamo di unire un po di teste che non fa mai male!:D
    ciaooo
     
    2 Ott 2008
    #14
  15. Mela

    Mela Utente Attivo

    Registrato:
    20 Lug 2008
    Messaggi:
    676
    "Mi Piace" ricevuti:
    18
    Sequencer:
    Cubase SX 3
    Ehm... io dovrei ancora iniziare il terzo anno di studi in una scuola civica e non in conservatorio :xD:
     
    2 Ott 2008
    #15
  16. Filipek

    Filipek Utente Attivo

    Registrato:
    28 Set 2008
    Messaggi:
    240
    "Mi Piace" ricevuti:
    15
    Sequencer:
    LOGIC PRO 9 - LIVE 8
    grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee:coffee::nota::nota::nota::nota::nota:
     
    3 Ott 2008
    #16
  17. DjLaurenz

    DjLaurenz Utente Attivo

    Registrato:
    10 Feb 2006
    Messaggi:
    465
    "Mi Piace" ricevuti:
    14
    Sequencer:
    Logic - Ableton Live
    Finalmente un po' di gente che si interessa sul lato armonico di questo mondo senza armonia :D
     
    7 Ott 2008
    #17
  18. elix england

    elix england Eroe del Forum

    Registrato:
    23 Lug 2008
    Messaggi:
    1.173
    "Mi Piace" ricevuti:
    456
    Sequencer:
    Cakewalk Sonar Platinum, UAD2 , RME , AKG,TC Helicon,dbx,Korg,Roland, Yamaha, Presonus.
    bella guida , Io ho finito gli studi anni fà .. e mi ha fatto piacere ripassare queste oramai perse teorie .

    ciao
    elix england / westgate
     
    7 Ott 2008
    #18
  19. Topeji

    Topeji Utente Molto Popolare

    Registrato:
    28 Mar 2006
    Messaggi:
    58
    "Mi Piace" ricevuti:
    42
    Sequencer:
    FL 11
    ehehehehe!lo sapevo che poteva interessare..conosco un po di gente che fa musica digitale che potrebbe fare molto di piu con un o di teorie di base quindi perché non esporre le conoscenze a tutti quanti cosi che ci possa essere un po piu di qualità in generale??la musica è bella e deve in un certo senso rinascere..ma si deve cominciare dallo Zero per arrivare ad Uno..cosi da avere una conoscenza che riguardi sia lo Zero che l'Uno..numeri da cui proviene tutto il codice binario!:D vedete..in un modo o nell'altro i musicisti sono destinati alla perfezione quindi sviluppiamo le nostre idee e sentiamoci grandi!:D:D

    Purtroppo ho poco tempo ultimamente..ho cominciato un nuovo lavoro e devo dare conto al capo senno mi cacciano..:D ma sto preparando un'altra guida sempre sulla teoria musicale..un po di tempo e ve la posto!

    ciao a tutti e bei sogni!:coffee::coffee::coffee:
     
    8 Ott 2008
    #19

Le persone hanno trovato questa pagina cercando:

  1. tonalitaib la mibore

    ,
  2. scala melodica 6e7

    ,
  3. djlaurenz armonia

    ,
  4. armonia sulla scala di mib,
  5. armonia sulla scala di mib maggiore