1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Da dove ripartire

Discussione in 'Fuori dalle note!' iniziata da Lukko85, 2 Set 2018.

  1. Lukko85

    Lukko85 Utente Molto Popolare

    Registrato:
    27 Dic 2011
    Messaggi:
    73
    "Mi Piace" ricevuti:
    28
    Ciao a tutti, sono Luca e torno su questo forum dopo anni di assenza, premetto che non sono mai stato un grande musicista ed il poco che ho prodotto nella mia vita, sembra sia stato un semplice colpo di fortuna. Proprio per il fatto che la mia creatività è derivata dal caso, sono anni che non riesco più realizzare nulla. Voi non vi siete mai sentiti disorientati? Come avete fatto a ripartire? Io attualmente, se apro un vecchio progetto, mi chiedo: "come è possibile che questo sia uscito dalla mia testa?"
     
    2 Set 2018
    #1
  2. MRK_LAB

    MRK_LAB Eroe del Forum

    Registrato:
    20 Giu 2018
    Messaggi:
    2.073
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.261
    Sequencer:
    Cubase 9.5
    Personalmente non apro quasi mai vecchi progetti se non per prelevare qualcosa tipo un suono , un settaggio o una melodia , mai e poi mai mi metto a rilavorare "sul vecchio".
    Provo sempre un senso di fastidio , tristezza ed ingenuità , motivo che mi ha portato negli anni all'abitudine di chiudere i progetti iniziati al meglio delle potenzialità del momento.
    Se sono idee le fisso nei loro tratti essenziali ma non procedo a svilupparle se non avverto quel quid creativo che ti fa avere la visione del pezzo finito.
    Beh , la creatività non ha un flusso costante , credo sia normale una certa discontinuità nella capacità di produrre "il bello" o ciò che tale si ritiene.
    Ho notato comunque che la creatività è in qualche modo allenabile nel senso che "più si fa" , più si è stimolati a creare e sopratutto con meno sforzo.
     
    2 Set 2018
    #2
  3. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.165
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.312
    Sequencer:
    Ableton live 10
    Che ti blocchi periodicamente si, ma da durare anni non mi é mai successo, piuttosto che i progetti mezzi finiti mi stufino e finiscano in abbandono si, frequentemente...
     
    2 Set 2018
    #3
  4. SagZodiac

    SagZodiac Designer Super Moderatore

    Registrato:
    9 Dic 2013
    Messaggi:
    3.308
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.577
    Sequencer:
    Cubase
    Credo tu abbia e stia affrontando una fase che io stesso ho affrontato e molto spesso affronto.Dopo aver sentito altri ragazzi/compositori etc anche loro hanno questi momenti, soprattutto se sei autodidatta, quindi non sei solo.

    E' colpa tua questa sensazione che provi ? NI.
    No
    perché la creatività ha bisogno di una guida e di limiti per esplodere, e bisogna che qualcuno te lo insegni.
    Si, con il tempo ti sei portato dietro alcune cattive abitudini.

    La cosa positiva è che una ri-educazione e correzione di queste cattive abitudine è assolutamente possibile.
    La musica, come ogni altra forma artistica ha bisogno di metodo e disciplina.

    Per prima cosa devi capire quali sono le tue cattive abitudini.
    Ti faccio un esempio di quali erano le mie e piano piano di come le sto eliminando.

    Molto spesso cominciavo un progetto.La foga del momento, l'estasi del primo approccio ad un brano mi portavano a comporre e produrre una prima idea.
    Dopo aver lavorato per un paio di ore ero contento del risultato e lasciavo stare il brano.
    Lo riprendevo il giorno dopo, e succedeva che la foga e l'estasi non c'erano piu.
    Essendo autodidatta avevo una carenza di conoscenze tecniche musicali, e quindi non ero in grado di affrontare piu il brano in maniera disciplinata.
    Quindi lasciavo da parte il progetto pensando che "piu avanti" lo avrei finito, quando le idee sarebbero tornate.Il problema è che le idee non ritornano.
    Le idee vanno sviluppate.

    Dopo un po cominciavo un nuovo progetto perché stimolato da un altra idea e cominciavo anche quella e ripetevo il loop.
    Questo cosa ha comportato? Che ogni volta che cominciavo un progetto, partivo motivato, ma ad un certo punto il mio cervello veniva attraversato da un pensiero. "Tanto non lo finisco".

    In questo modo ero finito in un limbo.
    A peggiorare le cose c'era la costante ricerca della perfezione, che non esiste.

    Le ali della creatività sono i limiti che ti poni.

    So che puo sembrare un controsenso, ma non è cosi.
    Ti spiego perché.
    Se ti dico chiedo di comporre un brano, quello che vuoi, non ti sto dando un contesto.
    Ma se ti dico che voglio tu faccia un brano in stile Pop, a quel punto tu puoi cercare quali sono gli standard del genere, e se ti dico che puoi usare solo
    la batteria, basso e due chitarre, che deve essere a 119 bpm, in 3/4, ti metto piu limiti, ma ti tolgo anche le incertezze sulla scelta degli strumenti e del tempo.

    E' un po come se adesso ti chiedessi cosa vuoi mangiare e tu non mi sai rispondere.
    Ma se ti chiedo cosa vuoi mangiare tra pizza e gelato, la scelta che compi è circoscritta dentro a due limitazioni.Tuttavia non saranno i tuoi preferiti, ma la scelta è piu semplice.

    E questo è un altro fattore importante.
    Per toglierti queste cattive abitudini devi cominciare a produrre dei pezzi, che posso anche non piacerti.
    In questo modo trovi confidenza anche nel FALLIRE.
    Molti di noi hanno paura di non essere all'altezza del pezzo musicale, hanno paura di sbagliare, ma è proprio trovando un senso di conforto nel fallire, nel capire che siamo fallibili, che si raggiungono gli obiettivi.

    Molto spesso si tratta solo di provare e riprovare e riprovare.La creatività è generata da diversi stimoli, e va allenata.Tutti hanno idee, vanno solo sviluppate.
     
    10 Set 2018
    #4
    A marcko, IDK, Division e 1 altro utente piace questo messaggio.
  5. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.165
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.312
    Sequencer:
    Ableton live 10
    Stesso mio problema....
     
    10 Set 2018
    #5
  6. AmbientVisions

    AmbientVisions Colonna del Forum

    Registrato:
    4 Nov 2016
    Messaggi:
    305
    "Mi Piace" ricevuti:
    137
    Sequencer:
    Cakewalk Sonar by BandLab
    Se posso permettermi di darti un consiglio ascolta anche molto le tracce musicali del tuo genere per trovare l'ispirazione e scegliere come comporre un brano. Ispirazione non vuol dire copiare ma comporre nello stesso stile del musicista che stai ascoltando. Non risolverá totalmente il problema ma almeno qualche spunto te l'ho fornirá. Inoltre puoi partire da una progressione armonica popolare e mediante le note di passaggio e/o note estranee all'armonia puoi creare sempre qualcosa.
     
    10 Set 2018
    #6
  7. JAGO

    JAGO Bitwig 2 Official end user certificated Utente VIP

    Registrato:
    1 Dic 2009
    Messaggi:
    3.903
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.072
    Sequencer:
    Bitwig 2
    che tu abbia o meno una base o anche più, di tecnica musicale, che tu sia un musicista o un polistrumentista o un semplice appizzatore di note su pianoroll, il disorientamento e la mancanza di creatività colpisce tutti indistintamente. Personalmente ne ho attraversate molte di queste crisi, non solo in termini di creatività ma anche d'identità musicale, nella mia vita sono passato dai più disparati generi musicali, ho suonato dal punk alla musica classica, dal jazz alla disco, dal metal all'elettronica un brodino musicale. Un fattore importante è il momento che stai vivendo, ad esempio io in questo periodo mi sento particolarmente scoglio nato, dei giorni accendo tutte le macchine dello studio e stendo una minima base di drum machine, prendo il basso elettrico e faccio un giro, lo rimetto a posto e spengo tutto in una sensazione di nausea musicale, probabilmente mi trovo in un momento di apatia, perché se fossi felice o triste mi verrebbe comunque uno stimolo a fare qualcosa per poter esprimere il momento, invece....no, io lo risolvo aspettando che passi ma nel frattempo mi dedico allo studio e soprattutto riprendo ad ascoltare musica, cosa che faccio davvero poco quando sono in periodi di creatività, perché non ho il tempo di fare cose mie ed ascoltare altro
     
    10 Set 2018
    #7
    A MRK_LAB e Division piace questo messaggio.