1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Domande su elettronica old school

Discussione in 'Strumenti Musicali' iniziata da 4AP, 11 Ott 2010.

  1. 4AP

    4AP Partecipante

    Registrato:
    28 Nov 2009
    Messaggi:
    38
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    se non sbaglio nella strumentazione analogica ''riferito ai synth'' non era possibile salvare i preset giusto? così mi domandavo quali metodi trovavano i vecchi musicisti per ricordare la posizione dei knob e il resto..immagino usassero carta e penna per trascrivere tutto? oppure usavano una specie di campionatore?

    qualè la differenza fra campionatore e sequencer? so che il campionatore serve a campionare i suoni ovviamente, ma mi interessava sapere se venivano usati anche come sequencer ad esempio come accade con ableton. il sequencer invece, conosco quelli software ma roba come il roland mc 500 oppure mc 50 (ho allegato le foto) come funzionano? registrano l'entrata audio oppure sono ad impulsi midi?

    e per l'automazione? prima dei pc o degli schermetti sulle tastiere era possibile automatizzare sequenzialmente o bisognava fare tutto ''a mano''?

    vi imploro di perdonare la mia ignoranza in materia ma ero troppo curioso di sapere com'era l'elettronica prima dell'arrivo dei pc e della digitalizzazione.
    spero non risulti noioso il post, comunque spiegatevi molto efficacemente andateci piano che non ci capisco una cippa senò!!!:p grazie 1000 a presto!
     

    Files Allegati:

    11 Ott 2010
    #1
  2. 4AP

    4AP Partecipante

    Registrato:
    28 Nov 2009
    Messaggi:
    38
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    credevo ci fossero + esperti in settore:confused:
     
    11 Ott 2010
    #2
  3. Roby31

    Roby31 Colonna del Forum

    Registrato:
    26 Apr 2008
    Messaggi:
    2.503
    "Mi Piace" ricevuti:
    445
    Sequencer:
    FL Studio
    Non sbagli. Se non c'è nulla di controllato digitalmente (insomma, quasi tutti i modelli prima del 1982 direi) non è possibile "salvare" perché non c'è una memoria e il circuito è formato solo da componenti che regolano direttamente il risultato all'ascolto. Già allora per ricordare suoni particolari se ce ne fosse stata l'esigenza esistevano diagrammi e carta e penna. Tieni presente però che una volta che hai in mente bene ciò che serve, se il numero di parametri non è molto molto esteso per un musicista non era e non è tuttora difficile ricreare il proprio sound da zero, senza averne un salvataggio.

    La differenza tra campionatore e sequencer è che un campionatore può registrare suoni e riprodurli a comando, il sequencer ti permette di programmare una serie di eventi con cui controllare uno strumento - ai giorni moderni non è molto facile trovare un campionatore che sia privo di sequencer interno per la riproduzione dei campioni a tempo, ed è difficile trovare dei sequencer hardware che fungano solo ed esclusivamente da sequencer - i prodotti sono sempre più spesso multifunzione, con funzionalità da sequencer, sampler, registratore multitraccia ed arranger (mi viene in mente per esempio lo Zoom H24).

    Prima degli "schermini", dei PC, ma anche prima del MIDI esistevano sequencer e controller e possibilità di automatizzare le cose - prima che tutto fosse realizzato con controllo di processori, gli strumenti seguivano una delle cose più basilari: l'elettricità; quello a cui ci si riferisce con il termine CV (control voltage) è semplicemente la descrizione di come i parametri venivano cambiati variando delle tensioni; spesso i sintetizzatori disponevano già di ingressi per CV con routing preassegnato ad alcuni dei loro moduli. Questo, oltre ad essere stato in precedenza l'approccio alla costruzione dei synth (modulari con le tensioni applicate su cavi esterni invece che sui circuiti delle mainboard) ha permesso prima con circuiti a tempo e poi con circuiti controllati da processori di realizzare sequenze e automazioni come più piace/va all'operatore, un po' come funziona anche oggi con tutto software, tutto hardware, un misto, MIDI, CV, altri tipi di sync tra strumenti.
     
    11 Ott 2010
    #3
    A 2 utenti piace questo elemento.
  4. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.628
    "Mi Piace" ricevuti:
    590
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    aggiungo che l'MC50/500 sono "registratori" di eventi midi..per l'epoca erano macchine eccezionali che costavano intorno al milione e mezzo..io a 17 anni lavorai tutta un'estate per portarmi a casa l'MC50..oggi è in cantina..

    Per le automazioni, quando non esisteva il controllo digitale, si usavano i metodi più curiosi..ricordo ad esempio che molti mixer analogici degli anni 60 avevano i knob a rotella molto grossi..su queste "rotelle" si applicavano degli elastici incrociati collegando 2 o più "rotelle"..bastava girarne uno..e ne giravano 3 o 4 insieme..insomma era tutto meccanico..

    Da ricordare anche la funzione di taglio sui nastri..c'erano dei tecnici specializzati al taglio del nastro..per fare il copia-incolla si lavorava di forbici !!
     
    11 Ott 2010
    #4
    A 2 utenti piace questo elemento.
  5. dani88

    dani88 Eroe del Forum

    Registrato:
    13 Mag 2010
    Messaggi:
    1.834
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.111
    grazie per questa lezione di storia ragazzi, molto interessante:coffee:
     
    11 Ott 2010
    #5
  6. 4AP

    4AP Partecipante

    Registrato:
    28 Nov 2009
    Messaggi:
    38
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    grazie di cuore roby e kernell per il vostro tempo sono molto soddisfatto per le spiegazioni che avete dato!

    ---------- Messaggio aggiunto alle 01: 42 ---------- Il messaggio precedente era stato inserito alle 00: 59 ----------

    avrei qualche altra domanda. è possibile usare uno step come la xoxbox (copia identica della tb303) solo come step? cioè, collegandolo magari con un synth via midi? e riprendendo il discorso della mc500 se si collega uno step come la xox o un qualsiasi synth poi è possibile registrare una specie di loop a sequenza per poi selezionare scegliere i pattern che se non erro dovrebbero essere quel blocco di numeri a destra tipo keyboard da pc, correggetemi se sbaglio, come succedeva con il software rebirth della propellerhead, ecco, l'mc è simile allo stile di sequenziamento che aveva rebirth o sbaglio?
     
    12 Ott 2010
    #6
  7. Roby31

    Roby31 Colonna del Forum

    Registrato:
    26 Apr 2008
    Messaggi:
    2.503
    "Mi Piace" ricevuti:
    445
    Sequencer:
    FL Studio
    Se non sbaglio il sequencer su TB-303 è dotato di CV out quindi può controllare roba esterna tramite un convertitore CV/MIDI - Il sequencer della x0xb0x è in realtà diverso, specialmente se c'è il firmware SokkOS, comunque anche lui dovrebbe avere MIDI out a seconda dell'assemblatore e delle modifiche fatte.
    Puoi registrare la sequenza con qualsiasi strumento che registri eventi MIDI (quindi anche la maggior parte dei sequencer), nel caso in mezzo potrebbe volerci un convertitore a seconda del tipo di segnale (DINSYNC + CV, CV, MIDI)
     
    12 Ott 2010
    #7