1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

E' corretto artisticamente usare il "Melodyne" in una produzione musicale?

Discussione in 'Finalizzazione e Mastering' iniziata da Rocco Alex Romeo, 10 Lug 2017.

  1. Rocco Alex Romeo

    Rocco Alex Romeo Utente Molto Attivo

    Registrato:
    23 Mar 2014
    Messaggi:
    5
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    E' vero che tutti i cantanti usano il "Melodyne" applicato alla loro voce in quanto non siamo delle macchine intonate al 100% ?

    Facendo correzione ovviamente sulla voce campione su campione per renderla molto precisa.. io ho provato a dirlo ad un fonico ma lui sostiene che il melodyne non si dovrebbe usare in quanto è distruttivo e non allena l'orecchio e non è un percorso artistico giusto usarlo.. io ovviamente sono del parere contrario.

    Ps. in caso di spostamento del topic, mandatemi perfavore un pm con relativo link grazie =D

    Ciaoo
     
    10 Lug 2017
    #1
  2. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.124
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.293
    Sequencer:
    Ableton live 10
    il melodyne va bene se usi campioni di vocal.

    se hai il cantante di fianco chiaramente fai una seconda registrazione e al massimo lo usi come correttore.... e penso che venga usato molto nelle prosuzioni moderne di mudica elettronica....

    chiaro che su un tipico cantato in primo piano non lo usi...
     
    10 Lug 2017
    #2
  3. alberoverde00

    alberoverde00 Colonna del Forum

    Registrato:
    18 Giu 2017
    Messaggi:
    347
    "Mi Piace" ricevuti:
    165
    Il melodyne o qualsiasi altro correttore viene usato da tutti i fonici sia per artisti famosi che non. Che sia corretto o no utilizzarlo artisticamente non so dirti. Ma posso dirti che lo utilizzano tutti.
     
    10 Lug 2017
    #3
  4. cavaliereinesistente

    cavaliereinesistente Eroe del Forum

    Registrato:
    25 Ott 2012
    Messaggi:
    3.584
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.423
    Sequencer:
    Avid ProTools, Apple Logic Pro
    Un "percorso artistico" non può essere "giusto" o "sbagliato"... può al limite esserlo una scelta tecnica (ed anche in quel caso, il confine fra giusto e sbagliato può essere discutibile).
    Gli standard qualitativi (tecnici, non necessariamente artistici) a cui oggi è abituato l'ascoltatore medio in effetti rendono il processo di intonazione artificiale ormai quasi una costante. Per quanto mi riguarda, direi almeno nell'80% dei casi (escludiamo folk, jazz, blues... e neppure sempre) qualche intervento di autotune c'è.
    E'distruttivo? Oltre un certo limite, sicuramente potrebbe diventare invasivo;
    non allena l'orecchio? Dipende. Dell'ascoltatore, lo "allena" pure troppo (nel senso che lo abitua ad esecuzioni perfette, alzando le aspettative medie); dell'esecutore, finché non diventa una scusa per non affinare la propria tecnica e desistere dal ricercare in studio il take perfetto ("tanto c'è l'autotune"...), non lo vedo come un problema.
    E'un percorso "artisticamente" giusto? Mi riallaccio al mio incipit: chi se ne importa? L'arte non è necessariamente la ricerca di realtà e verità ad ogni costo. Allo stesso modo la questione potrebbe allora porsi per il trucco sul viso un attore teatrale, per un effetto speciale al cinema, per una storia inventata in un romanzo... e perché "no all'autotune", e sì invece al comping di un'esecuzione? Chi siamo per giudicare il processo tecnico-creativo attraverso il quale si persegue un risultato artistico?
     
    Last edited: 10 Lug 2017
    10 Lug 2017
    #4
    A adlibitum, Picci, SagZodiac e 5 altri utenti piace questo messaggio.
  5. Sky Crawler

    Sky Crawler Colonna del Forum

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    694
    "Mi Piace" ricevuti:
    462
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Sono d'accordo con cavaliereinesistente.

    Qualunque forma d'arte è intrattenimento per i suoi osservatori.
    Per intrattenere le persone è necessario stupire. Concetto base.

    Sai bene che il mago in tv ti sta fregando. Ma continui a guardare perché ti piace.
    Per me il concetto di "etica" per quanto riguarda questo genere di cose non esiste.
    E' fuffa da artistoidi.

    Ciò non significa che l'autotune o il drum replacing o il comping o altre pratiche del genere siano totalmente positive.

    Prima, per sperare di fare prodotti decenti, uno dei requisiti fondamentali era avere musicisti che sapessero suonare.
    Adesso uno dei requisiti fondamentali è trovare un tecnico bravo che sappia come bombare la tua performance al meglio.

    Non è proprio uguale. E si sente.
    La musica perde importanza, ci si concentra su cose che contano poco.

    Linko un video di SOS che consiglio di guardare a tutti.
    Un po di mentalità "quadrata", nel 2017 non può fare che bene.
    Mi piacerebbe sapere quanti gruppi oggi potrebbero registrare in condizioni simili senza fare dischi di m*rda :ROFLMAO:

     
    10 Lug 2017
    #5
    A adlibitum e cavaliereinesistente piace questo messaggio.

Le persone hanno trovato questa pagina cercando:

  1. come usare melodyne