1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Guida Ho scritto una melodia, ma a quale scala appartiene?

Discussione in 'Composizione e Arrangiamento' iniziata da Nameless, 15 Feb 2011.

  1. Enrico Polanski

    Enrico Polanski Utente Molto Popolare

    Registrato:
    14 Nov 2007
    Messaggi:
    1.272
    "Mi Piace" ricevuti:
    72
    Comunque no fidati,vari sequencer riconoscono da soli la scala anche solo dalla melodia (senza specificare se sia minore o maggiore).
    Per il resto,personalmente io quando compongo,seguo già le regole dell'armonia,del solfeggio e non ho grandi problemi.
    Nel caso in cui le canzoni siano di altri,sia dance che pop,solitamente mi bastano il primo e l'ultimo accordo piu la sensibile,poi boh,secondo me a forza di suonare queste cose ti vengono talmente automatiche...
     
    20 Feb 2011
    #52
  2. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.628
    "Mi Piace" ricevuti:
    590
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    Enrico ti faccio un esempio banalissimo..se tu hai una melodia che per 4 battute suona le note DO RE MI SOL LA in che tonalità siamo ?..ti viene subito da dire che siamo in DO..ma non è detto..potrei essere in FA, potrei essere in SOL e quindi usare un accordo maggiore o minore di queste tonalità, quindi se per ogni scala creo SOLO accordi a 3 note, avrò accordi maggiori minore e un semidiminuito..quindi 3 tipi di accordo per 3 scale diverse..costruendo accordi a SOLO 3 note, su quella 5 note potrò usare 9 accordi diversi..se poi li costruisco a 4 voci, il numero aumenta ancor di più..ed inoltre ma chi mi vieta di usare una tonalità per le prime 2 battute e un'altra per le altre 2 ?..insomma il discorso è molto soggettivo..e si chiama ARMONIZZAZIONE..c'è anche da dire che la musica dance di armonizzazione è priva..e che quindi basta conoscere un accordo, ed è anche il motivo base per cui chi è agli estremi inizi della composizione, si avvicina alla musica dance.
     
    20 Feb 2011
    #53
  3. Enrico Polanski

    Enrico Polanski Utente Molto Popolare

    Registrato:
    14 Nov 2007
    Messaggi:
    1.272
    "Mi Piace" ricevuti:
    72
    infatti non è sempre possibile con un numero limitato di battute dire in che tonalità siamo (per quanto,a volte sia abbastanza intuitivo il passo successivo,almeno boh,io lo trovo cosi).
     
    20 Feb 2011
    #54
  4. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    Kernell.. non che io ti voglia "attaccare", ma non ci siamo proprio. A parte il fatto che io ho composto un intero album dance armonizzato.. E ne ho sentiti altri. Al di là di questo, bisogna precisare parecchie cose.. Innanzi tutto sarei curioso di capire quali sono i 9 accordi costruiti sulle 5 note.. Intendi calcolando anche il modo maggire e minore?
    Poi, le proprie capacità musicali si posso utilizzare per qualsiasi genere musicale, si può creare un pezzo techno ben armonizzato, è soggettiva. Voglio ricordare tra l'altro, che la musica tonale s'impara nei primi quattro anni di composizione, dal quinto si comincia la fuga (tonale) e si studia la musica modale, mooolto utilizzata al giorno d'oggi. La tua melodia DO RE MI SOL LA, potrebbe essere anche nel modo ionio, oppure un tetrardus innalzato alla quarta perché non so se il si è bemolle o naturale.
    Nessuno ti vieta di "modulare" anche di battuta in battuta, ma tu probabilmente sei in grado di farlo, chi legge questo tutorial per imparare, no.
    All'inizio è "necessario" scrivere melodie considerando le scale, mantenendo la stessa tonalità per prendere confidenza con la scrittura, per cominciare a ricordare le alterazioni delle scale e a scrivere melodie compiute. Dopo si comincia a modulare, ovviamente ai toni vicini. Tieni conto che tutto quello che dico, lo dico in "relazione al contesto di questo tutorial", e non discutendo della musica, dell'armonizzazione, ecc.. in generale.
    Per cui resto dell'idea che in un tutorial, che mira ad aiutare chi è alle prime armi a capire a quale scala può appartenere una melodia, o ad aggiustarla in modo che rientri in una o più determinate scale (poi decideranno quale seguire a seconda delle esigenze melodico-musicali) non è il caso di parlare di modulazioni. Per questo rimando alla guida sull'armonizzazione, credo sia più indicata.
     
    20 Feb 2011
    #55
  5. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.628
    "Mi Piace" ricevuti:
    590
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    :coffee:..no non dipende dal numero delle battute..dipende dall'armonizzazione, più note formano l'ACCORDO e più mi individuano la tonalità ! ad esempio accordi di settima se ne trova solo uno per ogni tonalità..quindi se trovo SOL7 (sol si re fa suonati insieme) sarò in tonalità di DO, ma non centra nulla con la melodia che posso suonarci sopra..la tonalità mi viene "richiamata" dall'accordo che ci suono e più note uso per definire l'accordo, e più "chiara" sarà la tonalità. E ripeto che nessuno mi vieta dopo 2 battute di cambiare tonalità..esempio banale..che tonalità è questa canzone di baglioni quando canta la voce ?

    [ame=http://www.YouTube.com/watch?v=pl8w29MdfNg]YouTube - mille giorni di te e di me[/ame]
     
    20 Feb 2011
    #56
  6. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    Precisazioni

    ... scherzi vero? In ogni tonalità esistono 5 accordi con settime che possono essere costruiti seguendo lo schema delle 7 specie. Poi esistono le none, le undicisime e le tredicesime. Non solo, si possono costruire le settime anche sul secondo grado abbassato (modo minore, seconda napoletana), e sul quarto aumentato.
    Esistono poi le seste eccedenti, la italiana (priva di settima), la tedesca, la francese e la svizzera, tutte e tre con settima. La svizzera è conosciuta così perché Piston nel suo trattato di armonia l'ha definità, scherzosamente, tenendo conto che Italia, Francia e Germania (quello tedesco) sono i quattro cantoni della Svizzera. n pratica si possono usare tutte e sette le specie.
    Continuo a ricordarti che questo tutorial è per chi non saprebbe modulare, quindi ha bisogno di una melodia chiara, che non esca dalla tonalità e che gli accordi probabilmente non li sa ancora costruire. Serve solo per poter continuare una melodia e darle un senso compiuto.
    Comunque, le settime si costruiscono sui seguenti gradi della scala:
    II
    II abbassato
    II aumentato
    IV
    IV aumentato
    V
    VI
    VII
    talvolta anche sul terzo, sul primo non esiste perché ha bisogno di assonanza e non di dissonanza e poi risulterebbe un ritardo ascendente alla tonica o discendente alla tonica del sesto grado.
    Abbi pazienza, non ti offendere,
    ma Baglioni te lo ascolti te. :eek:
    :coffee:
     
    20 Feb 2011
    #57
  7. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.628
    "Mi Piace" ricevuti:
    590
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    io ho parlato di 7 dominante che si trova solo sul quinto grado di una scala..è chiamata proprio dominante perché definisce la tonalità, inoltre ho fatto gli esempi basandomi sulla costruzione degli accordi a 3 voci, quindi avrai solo maggiori minori e semidiminuito, quindi più note formano l'accordo e più "chiara" sarà la tonalità.

    Riguardo al brano di baglioni non ti ho invitato ad ascoltarlo ma ad analizzarlo.
     
    21 Feb 2011
    #58
  8. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    "ad esempio accordi di settima se ne trova solo uno per ogni tonalità..quindi se trovo SOL7 (sol si re fa suonati insieme) sarò in tonalità di DO"...
    Mi sa che era tutto un altro discorso il tuo. Scusa ma sono molto pignolo:
    A tre voci gli accordi possono essere diminuiti, minori, maggiori e aumentati.
    Non capisco perché parli di accordo semidiminuito... non c'entra proprio nulla ora... Primo perché non è un accordo, ma una quadriade, secondo perché il tuo esempio era in do maggiore e in do il semidiminuito (che poi si chiama settima di terza specie, semidiminuito è un termine usato nella composizione jazz) sarebbe costituito dalle note:
    do - mib - solb- sib.....................
    Poi se si parla di modulazione, non puoi sapere se l'accordo di settima è sulla dominante (dato che dovrebbe essere quella nuova che ancora non conosci), infatti bisogna analizzare altro; e quest'altro non è un diesis che potrebbe sembrare una sensibile, perché ci sono anche le dominanti secondarie. Se analizzi i brani di Baglioni probabilmente non ne troverai anima viva, se analizzi l'analizzabile, per esempio le strutture bachiane (o di altri compositori che ti permettano di fare una "vera analisi"), allora scoprirai che non basta un accordo di settima per definire una tonalità, per esempio potrebbe essere una tonicizzazione. E poi dev'essere confermata, attraverso due cadenze V-I, oppure con una cadenza doppia, perché si possa definire modulazione.
    Ehm... poi la dominante non si chiama così perché "definisce la tonalità", la tonalità è definita dalla tonica (nota o accordo di tonica)... La dominante domina su tutti gli altri gradi, tranne sulla tonica e crea una sospensione al discorso musicale o a una frase, una semifrase, un periodo, ecc..
    "quindi più note formano l'accordo e più "chiara" sarà la tonalità."
    Questa non mi è chiara... le note che formano un accordo sono al massimo tre.. Altrimenti si parla di bicordo, quadriade, pentiade, ecc..
    Gli "accordi" sono così formati:
    Minore: terza minore - quinta giusta
    Maggiore: terza maggiore - quinta giusta
    Diminuito: terza minore - quinta diminuita
    Aumentato: terza maggiore - quinta aumentata o eccedente.
    Preferirei proseguire in privato però, altrimenti chi apre questa discussione credendo di legger commenti riguardo alla melodia, ne resta deluso e soprattutto confuso in mezzo a tutti questi argomenti...
     
    21 Feb 2011
    #59
  9. Markus Terry

    Markus Terry Utente Molto Attivo

    Registrato:
    5 Feb 2011
    Messaggi:
    304
    "Mi Piace" ricevuti:
    55
    Sequencer:
    FL studio 8
    Io sono contento per tutta la voglia che ci ha messo Nameless ma purtroppo il pianoforte è qualcosa di completo...non prescinde da 4 regolette e via...ci sono tantissime sfumature che rendono questo strumento meraviglioso....:coffee:
     
    22 Feb 2011
    #60
  10. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    Sono d'accordo, ma nessuno ha parlato di pianoforte... E poi che il pianoforte sia completo.. Su questo non sono d'accordo anzi.. Vero, hai una grande estensione, ma non hai il portamento come con un violoncello per esempio, non puoi fare il pizzicato, il vibrato e molte altre sfumature. Ma ha altre cose che altri strumenti non hanno, per questo se ne uniscono diversi.
    Però in questo caso non ho davvero capito perché mi hai parlato del pianoforte, non ho scritto un tutorial per scrivere melodie al piano... :eek:
    :coffee:
     
    22 Feb 2011
    #61
  11. lup

    lup Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Feb 2007
    Messaggi:
    1.157
    "Mi Piace" ricevuti:
    149
    Sequencer:
    FL Studio
    infatti vi state accanendo un po troppo su un sacco di cose che non concernono questa guida
     
    22 Feb 2011
    #62
  12. Markus Terry

    Markus Terry Utente Molto Attivo

    Registrato:
    5 Feb 2011
    Messaggi:
    304
    "Mi Piace" ricevuti:
    55
    Sequencer:
    FL studio 8
    su qualsiasi sequencer c'è il pianoforte...pianoroll ecc......sta alla base della produzione...
     
    22 Feb 2011
    #63
  13. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    Per questo vorrei scusarmi lup, con te e con tutti gli altri, speravo di completare il tutorial attraverso domande, risposte, correzioni, semplificazioni, ecc.. concernenti la melodia. Non ho ben capito perché ma mi è stato scritto di tutto tranne che sulla melodia.
    D'ora in poi, (anche se è un po' tardi), a tutti quelli che scrivono qualcosa al di fuori dell'argomento, risponderò in privato. Sorry
     
    22 Feb 2011
    #64
  14. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.628
    "Mi Piace" ricevuti:
    590
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    nameless non c'è nessun problema, è chiaro che tu hai una istruzione pianistica in stampo classico, quello che voglio dire, è che una melodia la puoi armonizzare in diversi modi..se una melodia è formata da 5 note, io OGNI SINGOLA NOTA posso interpretarla come punto focale di una tonalità..se tu hai DO RE MI FA SOL, chi mi vieta di interpretare il primo DO come se fosse il IV grado della scala di SOL, il RE lo interpreto come sensibile della scala di MIb, il Mi come III grado della scala di DO etc etc..
    La differenza la fa l'ARMONIZZAZIONE di quella nota,io sul primo DO posso suonarci un Do7+..e sarò in una tonalità..potrò suonarci Sibadd9 e sarò in un'altra tonalità..posso metterci un Mibmaggiore ed interpretarlo in tonalità di Mib..o quel Mib lo intendo come V grado della tonalità di Lab..io è questo che voglio dire..una melodia, armonizzandola con i giusti criteri, la posso interpretare in più di una tonalità.
    Se premo solo i tasti bianchi, alle elementari ti dicono che sei in scala di DO, ma se studi armonizzazione, ti spiegano che puoi suddividere questa scala in più parti ed interpretare ogni nota a tuo senso di ispirazione.
     
    22 Feb 2011
    #65
  15. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    Mah, io ho riletto proprio ora il tutorial, non ho parlato di armonizzare una melodia. Si tratta solo di identificarla. Anche perché, e questo è rivolto a tutti coloro che vogliono imparare, una melodia, a meno che sia composta da note particolarmente lunghe, non si armonizza "nota per nota", se ne considerano un certo numero e si decide a quale accordo farle appartenere. Ovviamente le possibilità sono innumerevoli. Ma ora consiglio, a chi è agli inizi, di considerare solamente la scala alla quale una melodia può appartenere e continuarla secondo le note previste per quella scala. Altrimenti si finirebbe solamente col fare una gran confusione, perché non si hanno le basi necessarie per scrivere e armonizzare una melodia che utilizzi note al di fuori della scala di partenza.
    Che una melodia si possa interpretare e armonizzare in tantissimi modi lo so bene, ma non capisco cosa c'entri con questo tutorial, perché si basa solo sulla costruzione di una melodia, senza accordi o parte di basso.
    Quando si scrive una melodia, si può esser ispirati in moltissimi modi, e si può scrivere una melodia che spazi in un "oceano" di scale, si può fare tranquillamente a orecchio. Ma per chi ha bisogno di un tutorial come questo, lo sconsiglio, perché nel momento in cui dovrà aggiungere una parte di basso, di un qualsiasi altro strumento o di accordi, si troverebbe in un "oceano" di difficoltà. Agli inizi troppa carne al fuoco la sconsiglio vivamente. Nei prossimi giorni cercherò di aggiornare questo tutorial.
     
    22 Feb 2011
    #66
  16. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.628
    "Mi Piace" ricevuti:
    590
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    ma difatti è troppo generico il discorso..se hai 6 note tutte in una battuta, le puoi interpretare in un modo..se quelle 6 note sono suonate con tempi diversi su 8 battute, il tutto può avere un altro senso, e poi non è vero che non si armonizza nota per nota..non me lo vieta nessuno, se ho uno spartito, 64 battute dove suono un sempre una semibreve di DO, la posso armonizzare in tutte e 12 le tonalità..insomma capisco che deve essere un tutorial per chi è proprio agli inizi, ma si creano solo idee falsate, trovare gli accordi su una melodia è un discorso complesso che richiede capacità e conoscenza,e la tonalità, ribadisco che viene dettata dall'armonizzazione di una singola nota e non dalla sequenza di una melodia.
     
    22 Feb 2011
    #67
  17. Nameless

    Nameless Il Senza Nome Utente VIP

    Registrato:
    14 Gen 2011
    Messaggi:
    989
    "Mi Piace" ricevuti:
    737
    Sequencer:
    Studio One 3
    Per tutti quelli che leggono, non è un tutorial per l'armonizzazione di una melodia! In ogni modo, come dicevo nel messaggio di prima, potete armonizzarle nota per nota se sono note lunghe, semibrevi, brevi, ecc... altrimenti spesso, si armonizza addirittura battuta per battuta oppure si segue l'indicazione del tempo in chiave, 2/2, 4/4, 3/4, ecc..
    Ti assicuro kernell che di idee falsate non ne creo, piuttosto informati perché stai scrivendo davvero molte cose non chiare e perfino errate: accordi a tre voci possibili, semidiminuito, accordi di settima, ecc.. Riguardatele perché avere un'idea sbagliata di queste cose ti penalizza molto nel momento in cui scrivi tenendo conto di queste nozioni.
    "Insomma capisco che deve essere un tutorial per chi è proprio agli inizi, ma si creano solo idee falsate, trovare gli accordi su una melodia è un discorso complesso che richiede capacità e conoscenza,e la tonalità, ribadisco che viene dettata dall'armonizzazione di una singola nota e non dalla sequenza di una melodia."
    A parte che se l'unica possibilità di riconoscere una tonalità fosse quella, avremmo tutti le mani legate.
    Perché mi dici che trovare gli accordi su una melodia è un discorso complesso, ecc... se io nel tutorial non ne ho parlato? Non ho nemmeno parlato di come capire a quale tonalità appartiene la melodia, ma di come continuarne una già iniziata, in una sola scala, per esercitarsi. Rileggi la guida e cerchiamo di stare nell'ambito della melodia.
    Mi sembra che ti stia arrampicando sugli specchi e questo non è per nulla costruttivo.
    Ti invito comunque a scrivermi in privato, come d'altronde, io ho già fatto.
     
    22 Feb 2011
    #68

Le persone hanno trovato questa pagina cercando:

  1. come si armonizza una scala dorica