1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Il compressore multibanda ed i suoi segreti: come settarlo per ottimizzare subito la tua traccia

Discussione in 'Finalizzazione e Mastering' iniziata da Gas, 18 Feb 2016.

  1. Gas

    Gas Fondatore

    Registrato:
    4 Ago 2005
    Messaggi:
    6.068
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.306
    Sequencer:
    Cubase, Ableton Live, Fl Studio
    Se vuoi fare in modo che la tua canzone rimanga indelebilmente impressa nella testa di chi ti ascolta, hai bisogno di due cose.

    Come prima cosa, hai bisogno di una buona melodia, che sia orecchiabile ed energetica.

    Seconda cosa, devi sapere come farla risaltare nel mix .

    Ti starai probabilmente domandando:

    "Come faccio a farla risaltare nel modo corretto, tra tutti gli altri elementi che ci sono?"

    A parte l'equalizzazione e gli effetti, c'è un plugin che ti permette non solo di far suonare bene la tua melodia o la voce, che sono le parti centrali e memorabili della tua canzone, ma che ti aiuta ad allocare al suo posto ogni elemento della tua canzone.

    Questo strumento è il compressore multibanda.

    [​IMG]

    Andremo ora a vedere quando è necessario utilizzarlo, come puoi impostarlo per ottenere i risultati migliori e perché è un plugin flessibile adatto non solo al master.
    Questo articolo è stato tratto in parte dal nostro corso avanzato alla musica elettronica, dove approfondiamo anche come usare in dettaglio i compressori multibanda di FL Studio ed Ableton Live.

    Le basi: quando possiamo usare il compressore multibanda?
    Il compressore multibanda altera le dinamiche del suono e ti permette di raggiungere risultati che i singoli compressori ad una banda unica non si sognano nemmeno. E' utile sia nel mastering, che nel missaggio dei singoli suoni (specialmente quando stiamo lavorando sui suoni di batteria e sui gruppi strumento).

    I parametri del compressore multibanda sono simili a quelli del compressore a banda singola; inoltre, sebbene l'interfaccia grafica dei vari plugin sia sempre diversa, una volta capite le basi potrai applicare i concetti ad ogni plugin che andrai ad utilizzare.

    Prendiamo come esempio il Precision Multiband Plug-In della Universal Audio, ma non preoccuparti se non hai questo esatto plugin nel tuo computer, ci servirà solo per far passare alcuni concetti.

    La prima cosa che notiamo è che la parte centrale del plugin è divisa in 5 diverse sezioni, che rappresentano diverse aree delle frequenze totali disponibili.
    Molti compressori lavorano tra i 20 Hz e i 20 KHz, ed il numero di bande è spesso diverso e a volte possono essere aggiunte o rimosse. E' inoltre possibile definire manualmente l'ampiezza di ogni banda.

    [​IMG]

    Possiamo vedere ciascuna delle bande come un compressore a parte, ciascuno con i suoi controlli e parametri da modificare.
    I parametri sono i soliti: ratio, threshold, attacco e release.
    Impostiamo l'ampiezza di frequenze della banda, e il nostro compressore agirà solo sulle frequenze qui impostate.
    Cominciamo a capire quanto sia potente questo plugin? CI permette di trattare sia un singolo strumento, che un problema di frequenze in tutto il mix.

    Inoltre, quando suoneremo la nostra canzone (o suono) con il compressore multibanda sul master, vedremo graficamente dal plugin come variano le dinamiche del suono grazie al compressore.

    Usiamo il compressore multibanda sul master
    Come già detto possiamo usare il multibanda anche sui singoli strumenti, ma viene solitamente percepito come un plugin da usare sul master.
    Cosa vera, visto che ci permette di affinare i suoni della nostra traccia e farla suonare in maniera corretta: la sua abilità di lavorare su una specifica gamma di frequenze e trattarle senza toccare le altre è di fondamentale importanza per un mastering corretto.

    Infatti, con un buon multibanda sul master è possibile ridurre a ragione frequenze impazzite, eliminare i problemi di volume ed equalizzazione delle percussioni ed allineare i volumi di hi-hat ed effetti. Tutto ciò è fattibile variando la compressione delle diverse aree di frequenze, ciascuna con una compressione diversa, perfetta per lo strumento e le frequenze che vogliamo domare.

    [​IMG]

    Identifichiamo le bande - quali frequenze sono migliori?
    Per avere risultati perfetti, sarà necessario ascoltare in "solo" ciascuna banda ed identificare l'area da trattare.
    Ovviamente capire l'area di frequenze perfetta non è facile, e spesso dipende dalla canzone e dal tipo di lavoro che bisogna fare alle frequenze per ottimizzare il suono.

    Ok, so che non è una risposta troppo utile, quindi se ci focalizziamo su una tipica canzone di musica elettronica con un vocal, tieni presente questo:
    imposta le bande di modo che le frequenze del tuo vocal stiano tutte dentro ad una stessa banda.

    Se ci pensi un attimo è logico: hai registrato la voce e hai fatto un ottimo lavoro; se ora le frequenze del tuo vocal sono divise tra due bande diverse, alle quali applichi compressioni che possono anche essere molto diverse, andrai a snaturare il vocal, cioè la parte che dovrebbe avere più presa su chi sta ascoltando la tua canzone.

    Alcuni parametri da cui puoi partire, se usi un multibanda con 3 bande:
    • imposta la frequenza di divisione tra la banda intermedia e quella alta a non meno di 2,5 KHz;
    • imposta la frequenza di divisione tra la banda più bassa e quella intermedia a circa 120 Hz - al di sotto del tipico gruppo di frequenze del vocal, ma al di sopra del basso più profondo e della parte bassa del kick.
    Ricorda che sono parametri di partenza, devi lavorarci un attimo ed ascoltare i risultati, perché è veramente facile farsi prendere la mano ed enfatizzare troppo le frequenze tra i 2 ed i 4 KHz, spesso per far risaltare la voce, ma a scapito di tutti gli altri strumenti.
    Potresti anche pensare di avere una banda che copra sopra i 6KHz, di modo da aumentare il senso di dettaglio e dare più aria, senza disturbare le frequenze medie e quindi la riproduzione naturale del tuo vocal.

    Tutto chiaro?

    [​IMG]
    Il compressore multibanda di Cubase

    In dettaglio: come impostare i parametri di ogni compressore

    E' bene ricordare che quando si usa ogni sorta di compressione sul master finale, è saggio mirare ad un risultato "trasparente". Questo significa che stai cercando di risolvere problemi di missaggio senza rendere apparente che ci sia applicata una qualsiasi compressione alla traccia.

    In altre parole, significa che solitamente opterai per attacco e release lunghi, ratio bassi e riduzioni di gain limitate. Se vedi che devi utilizzare parametri "forti" per ottenere l'effetto desiderato, prova a riprendere il mix originario ed effettuare un po' di modifiche direttamente da lì.
    E certo, potresti cercare un suono molto compresso da utilizzare come effetto creativo, ma ricorda sempre che sarebbe a scapito del range dinamico della tua canzone: abbiamo quindi due diverse strategie di uso del multibanda, a seconda dei risultati che vogliamo ottenere. Vediamole in dettaglio.

    Se vogliamo comprimere solo i segnali più forti
    In questo caso possiamo dosare la soglia (un threshold poco spinto, compreso tra 0 e -10 dB per capirci) e un ratio di compressione abbastanza forte da far abbassare abbastanza tutto ciò che supera la soglia.
    Riprendiamo un concetto base per capire bene: il ratio di compressione è definito come il numero di decibel che devono passare dal segnale in input (dopo che ha superato la soglia) perché l'output compresso aumenti di solo 1dB; significa che con un ratio di 5:1, quando il segnale non compresso supera la soglia di 5 dB, il segnale in output (compresso) la supererà solo di 1 dB.
    E sotto la soglia, ricorda che non viene applicata alcuna riduzione al suono, significa che il suono uscirà senza avere alcuna modifica.
    Questo è un ottimo metodo per limare i picchi troppo alti dei vocal o di qualche altro suono che occasionalmente eccede il suo volume medio.

    Se vogliamo comprimere la maggior parte del segnale, ma in maniera limitata.
    Un'altra strategia è quella di settare un threshold basso (diciamo tra -30 e -40dB), con ratio molto basso (meno di 1.2:1).
    In questo modo invece di applicare tanta compressione solo ai picchi più alti, vedrai che stai applicando un po' di compressione a tutto, tranne che ai segnali veramente di basso volume.
    Questo è un ottimo modo per aggiungere densità ed energia ad un mix che è già ben bilanciato, ma ricorda che non ti aiuterà a controllare i picchi di suoni non ben bilanciati.

    Un approccio flessibile
    Queste due strategie (e ogni configurazione nel mezzo) possono essere applicate ad ogni compressore multibanda, ma quello che rende questo approccio così flessibile, è il fatto che puoi utilizzare una diversa compressione per ogni banda.
    • Ad esempio, se stai lavorando su una traccia dove senti che il basso non ha abbastanza peso, potrai usare una threshold ed un ratio alti per aumentare il livello medio delle basse frequenze, e comunque usare un ratio molto basso per le frequenze medie e basse!
    • In maniera simile, puoi applicare una compressione più forte alle alte frequenze superiori, ad esempio, a 6 KHz per aumentare la densità delle alte frequenze e creare un effetto simile a quello ottenibile tramite un enhancer.
    • di solito la parte intermedia è quella che avrà meno bisogno di compressione (se abbiamo fatto un buon lavoro in fase di mixing), quindi un ratio di 1.1:1 e un threshold di -35 dB è abbastanza buono per legare assieme tutte le frequenze e rendere alla fine il mix più vibrante e chiaro.
    Il gain - che può essere impostato singolarmente per ogni banda - può essere usato per ripristinare il bilanciamento nello spettro causato dalle diverse compressioni.
    Ricorda comunque che più gain applichi, più porterai a galla rumori di fondo, quindi scegli con attenzione i punti di divisione tra le bande ed i livelli di ratio e threshold.

    Se vuoi dare un po' di spinta aggiuntiva ai volumi ad ogni costo, ricordati di mettere un limiter dopo il multibanda ed impostarlo in modo da abbassare leggermente i picchi, così da poter aumentare ancora un po' il volume globale senza andare in distorsione.

    Attacco e rilascio, questi sconosciuti - capiamoli ed impostiamoli.
    Abbiamo capito come impostare ratio e threshold, ma cosa fare con attacco e rilascio?
    Nelle basse proviamo con un attacco moderatamente veloce, perché non ci sono transienti veloci (se ne parla qui) che si mettono in mezzo al suono. Il release sarà il più basso possibile, ma facendo in modo che non si sentano spinte evidenti al suono.

    [​IMG]


    Come regola di base, pensiamo che più il suono è pieno, più il release deve essere veloce per assicuraci che il gain torni a zero tra le note, ma le basse frequenze tendono a legarsi più a lungo delle alte, quindi avremo bisogno di un rilascio più lungo nelle basse che nelle medie.

    Come punto di partenza, setta un release doppio nelle basse che nelle medie, e lavora da lì, ma spesso potrai avere buoni risultati partendo con attacco e rilascio uguali per tutte le bande.

    Le medie frequenze coprono la maggior parte di quello che percepiamo in un una canzone, quindi alza l'attacco se hai bisogno di far sentire di più le transienti e usa un release breve, ma non così breve da far percepire troppo movimento.

    Per le alte, infine, dipende dal risultato che stai cercando.
    Se il piano è quello di aumentare la densità della parte alta dello spettro, usa un ratio più elevato per dare un po' di energia e un attacco veloce per prevenire le transienti dal diventare troppo pronunciate: ricorda che le transienti alte tendono a decadere molto più velocemente delle basse frequenze, quindi potrai usare un release più veloce di quelo usato nelle medie, ma come sempre ascolta attentamente per evitare qualsiasi suono che non risulti naturale.

    Un altro approccio più generico è quello spiegato in questo video, dove vengono usati un attacco e release molto lenti sulle basse, che diventano sempre più veloci più ci si sposta in alto nello spettro di frequenze. Semplice no?

    Complimenti, sei un esperto del compressore multibanda!
    Se sei arrivato fino a qui, bravo!
    E' stato un lungo articolo ma pieno di dettagli che se proverai ad applicare al master della tua traccia, ti permetteranno di sentire la differenza nel tuo master (e soprattutto nella parte centrale, composta da lead e vocal).

    Ti invito a lavorare sulla tua traccia e a caricarla poi nella sezione "Canzone del mese", e se ti è piaciuto questo articolo sarebbe grandioso se potessi condividerlo sul tuo social network preferito!

    Ci sentiamo nel prossimo tutorial e, come sempre, buona musica.
     

    Files Allegati:

    Last edited: 22 Feb 2016
    18 Feb 2016
    #1
    A Randall74, Deenoc, Espirix e 24 altri utenti piace questo messaggio.
  2. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    Ciao Gas , guida utilissima come sempre.....
    mi sono perso solo una cosa , cosa intendi per doppio release?
    praticamente devo mettere in cascata un altro compressore con gli stessi parametri e con solo il release che varia?
     
    22 Feb 2016
    #2
  3. Gas

    Gas Fondatore

    Registrato:
    4 Ago 2005
    Messaggi:
    6.068
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.306
    Sequencer:
    Cubase, Ableton Live, Fl Studio
    Ciao Mad,
    in realtà noto ora che potrebbe avere un doppio senso, anche perché ho colorato in un altro colore la parte sbagliata.

    Leggilo cosi': setta un release con un valore doppio nelle basse rispetto a quello che setti nelle medie.
    Siginifica che se il release è a 100 nel compressore delle basse frequenze, sarà a circa 50 nel compressore che controlla le frequenze medie ;)
     
    22 Feb 2016
    #3
    A Mad Dog piace questo elemento.
  4. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    ah perfetto!! ancora Grazie per la Guida Gas!!! ora ho inteso!! bè se ci penso a rigor di logica ed esperienza ...si !!!
    semplicemente non ci ho mai pensato a farlo , e dopo aver letto questa guida mi sento uno sciocco xD

    Grazie uomo!!
     
    22 Feb 2016
    #4
  5. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.180
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.330
    Sequencer:
    Ableton live 10
    Oro, è proprio un paio di giorni che mi alleno coi multibanda e quest guida mi viene proprio utile.... Ho una domanda però, come mai se do una compressione importante a un suono mi si alza il volume del suono? Più aumento io tredshot e più sale il volume, come posso limitare questa cosa?
     
    22 Feb 2016
    #5
  6. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    @ImLobo la compressione serve in parte anche a quello... prova a diminuire l'output volume per prima cosa....
     
    22 Feb 2016
    #6
  7. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.180
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.330
    Sequencer:
    Ableton live 10
    Certo proverò perché io mi son trovato ad avere un progetto piatto e debole e ho provato a mettere un multibanda in coda a tutti gli effetti sulla drum e sul basso... Faccio neurofunk quindi son suoni super distorti... Ebbene una scelta super azzeccata, ottimo risultato finale, c'è potenza e presenza, soprattutto la drum ha perso quella meccanica che aveva ed è diventata più sciolta e presente, l'unico inconveniente è che se partivo con kick a -3 mi ritrovavo con kick a +4 e quindi un problemino non da poco perché se io detto io feader del volume a 0 lui suona a +5 per esempio, è normale? Ho sbagliato qualcosa? Posso agire di output che io non toccavo mai prima ma è normale che una compressione comporti un aumento di volume così importante? Che poi faccio antica ad usare anche i limiter perché devono limitare talmente tanto che il suono poi non sarà più buono.... Comunque parto dal presupposto che ho usato un vecchio progetto a cui ho aggiunto il multibanda quindi non son partito da zero
     
    22 Feb 2016
    #7
  8. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    forse hai usato una compressione eccessiva che ti ha costretto a dare più gain di volume sul fader?
     
    22 Feb 2016
    #8
  9. Blaster

    Blaster Eroe del Forum

    Registrato:
    21 Mag 2014
    Messaggi:
    963
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.235
    Leva l' auto make up
     
    22 Feb 2016
    #9
    A Gas e Mad Dog piace questo messaggio.
  10. Blaster

    Blaster Eroe del Forum

    Registrato:
    21 Mag 2014
    Messaggi:
    963
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.235
    Bravo Gas (y)
     
    22 Feb 2016
    #10
    A Gas piace questo elemento.
  11. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    Non è anche quello regolabile?
     
    22 Feb 2016
    #11
  12. Nine.thnx

    Nine.thnx Vincitore Canzone del Mese Utente VIP

    Registrato:
    15 Nov 2010
    Messaggi:
    638
    "Mi Piace" ricevuti:
    251
    Sequencer:
    FLStudio Kontakt
    Semplice no? ... inzomma :D

    ero rimasto ancora al compressore 'semplice' stavo iniziando a capirlo ora :(
     
    22 Feb 2016
    #12
    A Gas e Mad Dog piace questo messaggio.
  13. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    Caro ha gli stessi principi ....solo che ora puoi applicarlo su più bande di frequenza dello stesso suono....e in maniera differente..... non credo che uno come te avrà problemi ad usarlo... anzi secondo me appena apri un plug in del genere , dirai subito "perché non l'ho mai usato prima"
     
    22 Feb 2016
    #13
  14. Blaster

    Blaster Eroe del Forum

    Registrato:
    21 Mag 2014
    Messaggi:
    963
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.235
    Il make up è regolabile, ti regoli in base alla gain reduction, ma forse lui ha "l'auto make up" attivato che compensa automaticamente il livello di uscita quando muove la threshold e ratio
     
    22 Feb 2016
    #14
  15. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.180
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.330
    Sequencer:
    Ableton live 10
    Proverò a vedere se c'è l'opzione sul multibanda del juice pack perché per certi suoni e situazioni questa cosa mi va benissimo ma nei bassi il volume lo devo contenere, comunque proverò appena ho tempo a controllare e a capire meglio
     
    22 Feb 2016
    #15
    A Blaster piace questo elemento.
  16. Nine.thnx

    Nine.thnx Vincitore Canzone del Mese Utente VIP

    Registrato:
    15 Nov 2010
    Messaggi:
    638
    "Mi Piace" ricevuti:
    251
    Sequencer:
    FLStudio Kontakt
    In effetti :D
     
    22 Feb 2016
    #16
    A Mad Dog piace questo elemento.
  17. Mad Dog

    Mad Dog Eroe del Forum

    Registrato:
    29 Dic 2012
    Messaggi:
    2.632
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.671
    Sequencer:
    Reason , Audacity , Maschine Mikro
    ha l'hai aperto è.... eheheheh!!
     
    22 Feb 2016
    #17

Le persone hanno trovato questa pagina cercando:

  1. compressore multibanda

    ,
  2. come usare compressore multibanda

    ,
  3. come utilizzare compressore multibanda

    ,
  4. compressore multibanda sui bassi,
  5. compressore ableton,
  6. compressione multibanda metal,
  7. come usare un limiter multibanda,
  8. usare compressore multibanda,
  9. compressore multibanda voce,
  10. mix transienti alti www.musicadigitale.net