1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.
Nascondi Avviso
Desideri un tema scuro per MusicaDigitale?

Registrati e imposta la modalità notte!

Clicca qui per scoprire come attivarla!

La musica non mi stimola come prima

Discussione in 'Fuori dalle note!' iniziata da Nicolas-El, 22 Dic 2020.

  1. Nicolas-El

    Nicolas-El Colonna del Forum

    Registrato:
    21 Apr 2020
    Messaggi:
    294
    "Mi Piace" ricevuti:
    197
    Sequencer:
    Ableton Live; Pro Tools; Reaper
    Anche a voi capita che la musica che ascoltate vi stanca?
    Cioè ci sono sempre brani che mi fanno impazzire, ma mi rendo conto che quando hai competenze in questo settore ogni cosa che ascolti non ti piace, non ti convince, l'avresti realizzata diversamente...

    Delle volte mi chiedo: perché hanno usato questo synth? questa 808 fa schifo; che problemi hanno quelli che producono reggeaton e creano SEMPRE lo stesso groove!?

    Mi stanco facilmente di ogni cosa che ascolto....

    Trovo davvero più gusto nel prendere un synth, premere dei tasti a caso e smanettare.
     
    22 Dic 2020
    #1
    A AED piace questo elemento.
  2. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    793
    "Mi Piace" ricevuti:
    599
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    A me non succede quando ascolto qualsiasi cosa passata per le mani per esempio di Serban Ghenea o Spike Stent! :D

    Dipende di che livello di produzione e mixing si parla.

    Ci sono delle cose che sono totalmente intoccabili a prescindere dai gusti musicali.

    Sfido chiunque a fare meglio dell'ultimo disco di Miley Cyrus.
    Piaccia o non piaccia "Plastic Hearts" è prodotto e mixato in maniera superlativa.
     
    22 Dic 2020
    #2
  3. Kappa

    Kappa Vincitore Canzone del Mese Utente VIP

    Registrato:
    18 Lug 2009
    Messaggi:
    3.634
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.353
    Sequencer:
    Cubase 7.5/Reason 11 suite
    lo sai cosa mi hai fatto pensare

    penso che sia una questione di crescita, arrivati ad un età si è smesso di crescere con la musica.

    quando ero piccolo crescevo con la musica, in auto, alla radio in discoteca, era un elemento costante che faceva parte della mia vita, anche se il brano che ascoltavo non mi piaceva situazioni di comitiva o rilegato a momenti di vita adolescenziale mi entrava in testa, faceva parte di un elemento che accompagnava la mia crescita, oggi non vado più in discoteca, la radio fisica non ricordo neanche più che forma abbia, la tecnologia ci ha portato a tanti di quei brani che oggi si è perso quella forma di esclusiva che ti lasciava la radio o l'acquisto di un cd (il desiderio), una volta aspettavi in radio per il pezzo che ti piaceva o compravi appunto la cassetta o il cd, oggi vai su YouTube e in 1 ora hai ascoltato il tuo brano preferito 20 volte. Tutto e subito, e non puoi più colmare quella sensazione.

    per fare un piccolo esempio

    vai a scuola per studiare, quello che studi passo dopo passo ti affascina e cresci pari passo con la cultura che hai studiato (quindi trovi affascinante quello che hai fatto)

    immagina di sapere tutto o quasi, cresci lentamente con pochi stimoli culturali perché ovviamente nulla ti sorprende perché in parte già sai tutto. (e trovi noioso questo percorso di vita)

    secondo me per ritornare ad amare la musica bisogna tornare come eravamo in principio, crescere con essa, associare la musica con i posti, con le persone, attendere soprattutto la musica, tornare al desiderio perché è ciò che ce l'ha fatta amare.

    la tecnologia ha portato tante belle cose ma ne ha tolte altrettante.
     
    22 Dic 2020
    #3
    A AED, Giorgilorio, Killer of Sound e 1 altro utente piace questo messaggio.
  4. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    793
    "Mi Piace" ricevuti:
    599
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    D'accordissimo @Kappa !

    Ma secondo me il discorso iniziale era un po' diverso.

    Riquoto la frase di @Nicolas-El ...

    ...secondo me questo ha semplicemente a che vedere con l'ascolto di prodotti scarsi (che sono tantissimi).
     
    22 Dic 2020
    #4
  5. Kappa

    Kappa Vincitore Canzone del Mese Utente VIP

    Registrato:
    18 Lug 2009
    Messaggi:
    3.634
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.353
    Sequencer:
    Cubase 7.5/Reason 11 suite
    ogni era ha la sua musica, non puoi farci nulla!

    la trap non può piacere a te perché sei cresciuto appunto con un'altra musica, la gioventù di oggi cresce con la attuale tra queste anche la trap esattamente come sei cresciuto tu allora con la commerciale anni 90 per farti un esempio magari non la 90 ma il concetto è quello.

    io sono cresciuto ad esempio con la 70,80,90 ma molti dei miei brani che mi piacciono se li ascolto bene musicalmente sono anche meno elaborati della trap. è proprio quello di non accettare il cambiamento e mettiamo a confronto i due stili di un tempo con quello di oggi che ce la fanno schifare al primo ascolto, la trap magari non ti piace per il messaggio, per i video di adolescenti impanicati di soldi che ci cantano la loro vita vissuta a 14 anni.

    ma per loro Sfera ebbasta
    è come per me Corona nel anni 90

    io ascoltavo Corona in macchina con gli amici con lo stereo da 100 piotte con le casse comprate alla bancarella
    oggi ascoltano Sfera ebbasta dentro ste macchinette con impianti da 20mila euro (dove anche una scorreggia suona da urlo) p.s la scorreggia non è un riferimento ad uno stile musicale specifico.

    cambia la musica ma i balli rimangono sempre gli stessi

    vedrai che fra 20 anni e anche meno chi oggi ascolta Sfera ebbasta dirà "ma che è sta robba!!!!!"

    il genere di musica è rilegato anche al paese dove è nata, molto spesso alcuni stili sono importati anche per cultura "magari gli piace il paese da dove deriva, magari si fa i capelli rasta e appunto ascolta quel genere di musica" ..ti poni queste domande forse perché ragioni da produttore e non da semplice ascoltatore, la gente che ascolta reggeaton non si pone tutte queste domande, la balla con gli amici la canta magari perché gli piacciono le parole, (perché è divertente farla in gruppo, perché impianti pro fanno suonare quella 808 uno spettacolo) o perché appunto per cultura si avvicina a quello stile, ma non si sofferma ad ascoltare tecnicamente come o cosa hanno usato per costruire la base (la 808 può essere un richiamo ad una rivisitazione moderna di un suono attuale)

    ciò che fatto è fatto, magari non piace a te e al resto del mondo si, o magari rivisitandola piace a te e al resto del mondo, no!
     
    22 Dic 2020
    #5
    A 3lackrose piace questo elemento.
  6. CiroDigi

    CiroDigi Nuovo Iscritto

    Registrato:
    30 Dic 2020
    Messaggi:
    5
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Sequencer:
    Cakewalk Sonar Platinum
    Io credo che la musica per i non musicisti, è fatta solo per essere ascoltata, o anche ballata, e ciò tenendo presente che ognuno ha i suoi gusti e bisogni musicali, a seconda delle proprie radici culturali e di eventuali aperture verso altre, sia diverse che nuove/moderne. Per un musicista oltre al bisogno ed il piacere dell'ascoltarla , c'è anche il bisogno ed il piacere di suonarla.
    Questi due bisogni possono variare molto da musicista e musicista, ma anche da periodi di vita ad altri periodi di vita. Poi c'è l'aspetto dell'accumulo di cose che uno ha ascoltato durante il percorso della propria vita relazionato alla musica.
    Credo che la musica è anche un pò come lo zucchero, che da bambini andava bene anche semplicemente a cucchiaini per "addolcire la vita". Poi con il passare degli anni si diventa più esigenti, e per addolcire il proprio palato ricerchiamo prodotti dolciari un pò più "sofisticati".
    Io ho l'impressione che tu al momento hai meno bisogno di ascoltare, e più bisogno di suonare, magari anche improvvisando da solo, o con altri musicisti, creando così possibilità di dialogo, che a mio parere ha un effetto stimolante per la creatività musicale.

    Io credo che similmente vivo la tua stessa dimensione a riguardo della musica, e sperimentando og componendo con la musica mi dà più soddisfazioni che ascoltare cose casuali che troppo spesso suonano banali o già sentite dalle mie orecchie...

    Buona musica!
     
    5 Gen 2021
    #6