1. Quali sono gli errori più comuni nella produzione musicale?


    Leggi subito le nostre guide esclusive per
    - risolvere gli errori di missaggio e mastering
    - scoprire le basi per cominciare a fare musica nelle prossime 24 ore

    La nostra community con 10 anni di esperienza (ed oltre 15'000 iscritti) ti insegna a creare, registrare la tua musica e farla conoscere al mondo intero.

    Iscriviti ora (è gratis) e prenditi i nostri consigli esclusivi per gli utenti registrati.



Ma cos'è davvero lo "studio" del Producer?

Discussione in 'Fuori dalle note!' iniziata da djhobby, 9 Gen 2017.

  1. Daniele massa Rompi-Casse

    Messaggi:
    302
    Sequencer:
    CAKEWALK SONAR PLATINUM
    Non ho letto dettagliatamente tutti gli altri interventi... ma, a parte mixaggio con l'ausilio di eq comp e quant'altro, che ormai sono di ALTISSIMO livello anche software, e altissimo lo dicono i producers di Laura Pausini che usano PianoTeq per il pianoforte o tutti gli altri professionisti che ormai usano quasi esclusivamente vst come WAVES per elaborare il segnale... credo che la differenza sostanziale sia l'acquisizione, perché, si, ormai con i pacchetti per KONTAKT puoi ricrieare in maniera davvedo credibile il souno di una chitarra acustica o di una batteria.... o di un VIOLIN SOLO.... ma vuoi mettere se nell'altra stanza hai un violoncellista con i controcoglioni che fa partire un'arcata facendo stridere le corde fino ad arrivare ad un fortissimo che ti fa vibrare la cassa toracica? e come fai a riprendere quello a casa? serve una stanza che riduca drasticamente la riflessione del suono sulle pareti.... servono due microfoni agli angoli della stanza che ti diano la sensazione di apertura binaurale e altri due che facciano sentire bene il tocco delle dita e lo stridere dell'arcata... ora.... divertiamoci pure con i vst... ma la musica seria si fa con i musicisti in carne ed ossa!
     
    A bisTURI, lolerzo, infinity85 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  2. cavaliereinesistente ...meglio di Giuseppe Verdi

    Messaggi:
    3.239
    Sequencer:
    Avid ProTools, Apple Logic Pro
    Tendenzialmente... tutto
     
    A bisTURI piace questo elemento.
  3. Sky Crawler Amplifon user

    Messaggi:
    89
    Sicuramente i plugin sono ottimi e hanno raggiunto un livello molto elevato.
    Il problema è che tutti i plugin hanno caratteristiche comuni che li rendono estremamente limitati, nonostante la loro bontà.

    Di base il plugin è un compresso che gestito bene può portare a ottimi risultati.

    Però bisogna stare molto attenti a scindere tra quello che è un messaggio pubblicitario e quello che non lo è.
    La differenza oggi è molto fine.
    Su internet si fa di tutto per vendere, cose che non ti aspetti anche da certi personaggi di un certo livello in maniera che dire subdola è dire poco.
     
    A bisTURI piace questo elemento.
  4. lolerzo Tecnico sonoro avanzato Utente VIP Vincitore

    Messaggi:
    3.726
    Sequencer:
    Live, Pro Tools, Logic
    boh io penso che possono esserci tutti i migliori plugin del mondo, che sicurametne funzionano bene e con una buona conescenza della materia puoi portare a casa ottimi risultati.. nessuno mette in dubbio questo... ma il punto è come se un ad appassionato di guida di formula 1 gli chiedi se preferisce giocare a F2017 con uno strerzo controller oppure guidare una ferrari vera in una pista vera.. allora se sono appassionato di giochi forse preferisco il gioco.. se sono appassionato di motori magari preferisco la seconda.. io ogni volta che entro in uno studio e magari vedo un banco SSL (vi giuro che ce lo ha uno qui nello studio del mio paese) ecco ogni volta che entro li.. mi bagno letteralmente le mutande... ma è una cosa spontanea e automatica e mi stupisco che non succeda lo stesso per te
     
  5. Daniele massa Rompi-Casse

    Messaggi:
    302
    Sequencer:
    CAKEWALK SONAR PLATINUM
    n
    Non credo proprio che un WAVES Q10 sia un compromesso del SSL XRACK, credo che ognuno dei due abbia motivo di esistere e non credo che nessuno dei due sia solo una trovata di marketing... sono due prodotti concepiti sfruttando il meglio che la tecnologia usata permettesse di fare... allora userò il WAVES se ho bisogno di tagliare in modo chirurgico una frequenza non gradita (pratica molto più laboriosa su SSL) userò SSL se voglio dare maggiore colore (che se non hai l'esperienza per gestire in un certo modo può anche creare più danni che miglioramenti)

    volendo analizzare qualcosa che può assomigliare ad un prodotto che ha lo scopo principale di vendere mi viene in mente il filtro cutoff ONEKNOB di WAVES.... alla fine potresti ottenere una cosa molto simile automatizzando opportunamente il Q10 (e potresti gestire anche a tuo piacimento la risonanza)... ma dai... se in quel momento mi serve un semplice cutoff non mi metto a impelacare nella gestione delle automazioni di q10 se ho un ONEKNOB... la cosa che non riesco a digerire però sono le imitazioni... il voler fare una versione digitale di SSL che non sarà mai come la sua versione analogica... ATTENZIONE, io uso anche quelli, e molte volte fanno davvero la differenza... man non vendeteli come SSL....
     
  6. lolerzo Tecnico sonoro avanzato Utente VIP Vincitore

    Messaggi:
    3.726
    Sequencer:
    Live, Pro Tools, Logic
    penso che sky parlava piu che altro che ti fanno vedere il dj famoso di turno che usa un plugin che alzi un fader e tutto diventa da brutto e vuoto a pieno e professionale..
     
  7. Daniele massa Rompi-Casse

    Messaggi:
    302
    Sequencer:
    CAKEWALK SONAR PLATINUM
    vabbè.. loro devono pur vendere... certo uno che sia un pochino addentro all'argomento potrebbe anche perdere qualche minuto per approfondire la questione prima di fare acquisti... poi se ha soldi da buttare, ben venga... anzi, ne dia anche a me :blush::blush::blush::blush:
     
    A lolerzo piace questo elemento.
  8. lolerzo Tecnico sonoro avanzato Utente VIP Vincitore

    Messaggi:
    3.726
    Sequencer:
    Live, Pro Tools, Logic
    loro sanno bene a quale target puntano con quei prodotti e quel tipo di promozione ;) sanno che uno che conosce qualcosa di questo ambiente non comprerebbe mai quelle schifezze..
     
    A Daniele massa piace questo elemento.
  9. bisTURI Divinità Musicale

    Messaggi:
    4.765
    Sequencer:
    Studio One, Nuendo
    Perché il 90% dei Waves non mi fa impazzire?
    Forse perché non sono un professionista!
    Quasi credibile (vedi cosa fanno Tom Morello, Robert Fripp o Adrian Belew con una chitarra!)
    Ah, ecco...
    Esaggeratooo!!!
    comunque, se il Q10 della Waves è quello che penso io (quello che copia le curve) è pure difficilino da usare...
     
  10. Daniele massa Rompi-Casse

    Messaggi:
    302
    Sequencer:
    CAKEWALK SONAR PLATINUM
    Q10 è un eq parametrico... Non mi pare copi le curve... O almeno, io non l'ho mai usato x fare quello... Anche perché copiare le curve mi sembra davvero una grossa idiozia
     
  11. Sky Crawler Amplifon user

    Messaggi:
    89
    Certo che no. Sono due cose che tra loro non c'entrano nulla.

    Cioè tutti i prodotti di qualunque tipo sulla terra? Fare business non significa vendere cattivi prodotti.

    Mi sa che parli del Q Clone...


    @Daniele massa non mi sono ben spiegato o non hai capito il senso del mio discorso.

    Quando dico che un plugin è un compromesso, intendo il fatto che il processing in digitale delle tracce sotto qualunque aspetto (vedi eq, vedi compressione, vedi quello che vuoi) è sostanzialmente inferiore per qualità rispetto al processing in analogico (a patto di usare di analogico di buono/ottimo livello)

    L'asino casca esattamente sulla parola "qualità".
    Cosa intendo per qualità in questo frangente? Beh, spiegarlo non è facile.
    Dovrei stare qui a elencare una lunga serie di cose (inutilmente, tra l'altro), la farò breve.

    In generale in digitale, è molto più facile fare danni.
    Gli interventi in digitale sono tollerabili fino ad una soglia inferiore rispetto all'analogico.
    Hai meno margine. E' risaputo.

    Le cose che sto dicendo non sono il primo a dirle nè l'ultimo.
    Trovi le stesse cose scritte su Gearlslutz da centinaia di persone.

    Com'è altrettanto vero che i limiti del digitale a cui mi riferisco nello specifico, non per forza sono invalidanti.
    Dipende. Da tanti fattori.
     
  12. djhobby Novizio del suono

    Messaggi:
    36
    Sta di fatto che io non c'ho e sordi pe no studio de chissà quanti migliaia di euro di attrezzatura.

    Creo la mia musica in casa con le mie belle cuffie, casse ed fl studio.

    E se esce fuori qualcosa che ho intenzione di suonare nei club, ben venga me la faccio mixare e masterizzare (sperando di poter assistere)
     
  13. Sky Crawler Amplifon user

    Messaggi:
    89
    Se è per questo t'assicuro che sono molto pochi quelli che hanno i soldi per creare certe situazioni.
    E sono ancora di meno quelli che li hanno e li possono investire nel 2017 con un ritorno effettivo.

    Però questo con il tuo primo post del thread in questione ha poco a che vedere.
    Tu hai chiesto perché esistono persone che si servono di certe strutture.
    E ognuno a suo modo ti ha detto la sua.
    Non mi pare che nessuno abbia detto che devi spendere un capitale per fare musica.
     
  14. djhobby Novizio del suono

    Messaggi:
    36
    No è che leggere questi post mi da l'impressione che produrre da PC sia proprio l'ultimo dello schifo :rotola:
     
  15. cavaliereinesistente ...meglio di Giuseppe Verdi

    Messaggi:
    3.239
    Sequencer:
    Avid ProTools, Apple Logic Pro
    Forse un po', ma neanche troppo... ;)
    Sono sempre stato il primo a sostenere che un bravo professionista è in grado di ottenere lavori professionali anche con una daw freeware e un po'di plugin di base, con un ascolto col quale abbia un minimo di dimestichezza; d'altro canto, anche se mettessi il Metropolis a disposizione di Discofigo, dubito che riuscirebbe a tirarti fuori un lavoro decente.
    Ma, detto questo, quasi tutto ciò che ha uno studio, a casa non ce l'hai.
    Anche volendo prescindere dal discorso analogico (il mondo è pieno di studi high-end praticamente full digital), e rimanendo completamente in dominio digitale.
    A partire da un ambiente neutro e non inquinato da rumori esterni, una risposta del sistema ambiente+diffusori corretta, sufficientemente lineare ed affidabile; convertitori di livello; una zona di ripresa esente da colorazioni, e con un front-end davvero di qualità; capacità di elaborazione digitale basata sui dsp più che non sulle cpu dei computer; superfici di controllo che ti agevolino il lavoro su mix di grandi dimensioni senza dover impazzire col mouse su un display da 19"; un sistema di clocking serio che allinei tutte le macchine digitali... Già questo basterebbe.
    Vero, puoi prendere un clock Black Lion, o dei monitor PSI, o dei convertitori Metric Halo da tenere a casa... ma non ha alcun senso, quando magari hai le pareti intorno a te che si mangiano come niente 12dB su frequenze chiave. Entiende? ;)
     
    A roby_pro, bisTURI, Killer of Sound e 1 altro utente piace questo messaggio.
  16. bisTURI Divinità Musicale

    Messaggi:
    4.765
    Sequencer:
    Studio One, Nuendo
    Come detto da @Sky Crawler si trattava del Q-Clone, quanto al fatto che copiare/matchare le curve per avvicinarsi a un certo hardware o altro, non sta a me stabilire se sia un'idiozia... ;)

    @cavaliereinesistente .... Scherzavooo!!! :p
    Se leggi gli interventi dall'inizio, ho risposto in un certo modo perché trovavo la domanda di partenza proprio assurda... Poi ho capito che il thread starter non scherzava... Per il resto (e dico in generale), ragazzi, che lo facciate per hobby, per lavoro o quant'altro, questo è un mondo dove i soldi che spendi non sono mai proporzionali a quelli che ti entrano!!! Io (tanto per fare un esempio) avrò cambiato una trentina di chitarre (pagate facendo lavori pesanti!) e credo che se tornassi indietro... Lo rifarei!!!
    ... That's all...
     
  17. Sky Crawler Amplifon user

    Messaggi:
    89
    Non mi risulta che nessuno abbia detto questo.
    O almeno parlo per me.

    Non esiste qualcosa che in assoluto è meglio di qualcos'altro.

    Bisogna fare contesto.

    "Ci sono cose che puoi solo ottenere dal digitale e cose che puoi solo ottenere dall'analogico".
    Ti posso linkare un miliardo di thread nel mondo dove c'è scritta questa frase.

    Senza contesti ne motivi, discutere delle possibilità genera solo fuffa.
    E' inutile discutere del digitale e dell'analogico.

    Si può discutere a grandi linee di quelle che sono le differenze, senza mai arrivare a decretare un vincitore.
    Resta però il fatto che tali differenze esistono.

    Puoi mangiare vitello o maiale. Entrambi buoni ma hanno caratteristiche diverse.
    Sceglierai uno piuttosto che l'altro in base a vari fattori.
    Se devi fare un certo piatto a base di carne, per quel piatto potrebbe essere meglio un tipo di carne piuttosto che un altro.

    Una cosa però è fondamentale. Per sapere quale preferisci in un determinato contesto, devi averli assaggiati entrambi.

    Se la tua preoccupazione è quella di fare musica per divertirti, capire il perché di un discorso del genere o capire se l'analogico può fare al caso tuo non ti tocca minimamente.
     
  18. djhobby Novizio del suono

    Messaggi:
    36
    No, faccio musica per poi proporla pubblicamente. Un po' quel che fanno alcuni DJ. Oltre alle canzoni di altri, inseriscono anche le proprie hit... e se la reazione del pubblico è positiva si procede alla pubblicazione.
     
  19. Sky Crawler Amplifon user

    Messaggi:
    89
    In tal caso allora potrebbe interessarti in un futuro approfondire la questione, secondo me.
    Detto da uno che crede fortemente che il processo debba essere inverso.
    Ovvero che sarebbe meglio conoscere prima l'analogico e poi il digitale.

    Ma è chiaro che oggi tale ordine degli eventi risulta assai difficile, dato che esistono le DAW e per il 90% degli esseri umani uno studio è visto come un luogo costoso e dalla dubbia utilità.

    In quello che scrivi comunque, avverto una sensazione di "vago".

    Io non riesco a capire se tu sei interessato a un possibile inserimento di elementi analogici nella registrazione (per esempio una drum machine), o se sei interessato a capire perché certi mix vengono tutt'oggi eseguiti in analogico o ancora se sei interessato a capire perché fare un mastering itb o otb.

    In generale a tutto questo sono sempre applicabili i discorsi che ho fatto precedentemente a mio avviso.
    Ma magari andando nello specifico, si può esprimere qualche parere più o essere appunto un pelo meno generalisti (sempre da un punto di vista personale, ovviamente).
     
    Last edited: 10 Gen 2017
    A ImLobo piace questo elemento.
  20. ImLobo Tecnico sonoro avanzato

    Messaggi:
    4.336
    Sequencer:
    Ableton live
    Si ma son anche due mondi che devono esistere... per esenpio la neurofunk, su analogico non la faresti mai, su digitale non hai quei limiti....nell analogico invece avebdo delle linitazioni riesci a tirar fuori robe assurde, non cé miglior modo di esser creativi che avendo dei limiti... comunque a parer mio i due mondi stan bene assieme, daw e analogico....un synth in una postazione ci deve essere, magari effetti digitali e anche synth virtuali per i bassoni ma la melodia fatta sul synth é una gioia.
    Mettersi a programmare coi semimodulari e i sequencer é una gioia

    Io ho fatto il passo inverso di recebte, da digitale son passato anche a analogico anche se mi son contenuto coo prezzi... mai fatto scelta migliore
     

Condividi questa Pagina