1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Mixing for newbie: tips and tricks

Discussione in 'Missaggio' iniziata da Lloyd Farter, 11 Mag 2013.

  1. Lloyd Farter

    Lloyd Farter Vincitore Canzone del Mese

    Registrato:
    19 Set 2008
    Messaggi:
    542
    "Mi Piace" ricevuti:
    335
    Scusate guardando un po' in giro i mixin in generale ho avuto un piccolo bisogno di scrivere un articolo per quelli che magari sono all'inizio e non sanno da dove partire.
    Come scrivo nell'articolo è un testo sul metodo e non su dati del tutto tecnici (ricordiamo che in questo campo non ci sono quasi mai metodi univoci e sicuri per operare!) quindi l'ho scritto in modo più comprensibile e ironico per facilitarne la lettura e invogliare all'approfondimento.
    Siete liberi in tutti i casi di intervenire e migliorare (magari facendomi presente degli errori).
    P.s. scusate la lunghezza ma mi sembra un'argomento importante da dover affrontare.


    Mixing for Newbie

    Salve ragazzi.
    Con questo breve articolo ho l'intenzione (molto pretenziosa) di porvi un buon metodo di lavoro con il quale voi novizi, o magari non, possiate iniziare, migliorare o magari dare un'occhiata ad una tipologia di lavoro di base che però può darvi la mano per capire su cosa bisogna mettere mano quando ci si appresta al mix di un brano.

    Inanzitutto Arrangiamento e Missaggio non sono la stessa cosa.
    Questa frase dovrebbe essere la password che molti di voi dovrebbero avere per accedere al .exe del vostro Cubase, Pro Tool, Fruity Loop e anche del frigorifero.
    Infatti prima di iniziare bisogna chiarire che durante il missaggio si può intervenire con l'arricchimento dell'arrangiamento, ma missare senza avere il brano strutturato può risultare una delle cause del famoso “Arrangiamento irregolare” o “Missaggio sbilanciato”.
    Il perché è ovvio, se missate mentre arrangiate vi ritrovate a bilanciare e scrivere e concetrarvi saltellando da una parte all'altra del brano a seconda dell'ispirazione.
    Seguire un metodo simile con l'arrangiamento, soprattutto i primi tempi, può andare bene.
    L'estro creativo infatti non è sotto il nostro controllo, nemmeno un esperto musicista si sveglia la mattina e dice “Oggi mi sa proprio che mangio un insalata, guardo la tivù e magari faccio anche un capolavoro”.
    Il missaggio invece deve essere del tutto ragionato, studiato e elaborato.
    Il consiglio quindi è Arrangiate, poi missate quando avete almeno la struttura, poi ovviamente se durante il missaggio balenano altre idee potete pure aggiungerle.
    Ma cercate di ordinare il vostro modo di lavorare.

    Siamo arrivati quindi ad avere un brano arrangiato e completo di tutto ciò che ne costituisce il corpo centrale.
    A questo punto dobbiamo eseguire il primo step.
    Qui arriva il buio per i novizi e l'errore comune è alzare i volumi a casaccio finchè tutto non suona bene alto.
    Sbagliatissimo!
    Partiamo dal presupposto che esistano diversi metodi per ottenere un buon missaggio bilanciato, ma il migliore comunque è sempre quello di ottenere un suono generale che non si allontani di troppo dai famosi -3 decibel rimanendo sempre bilanciato nei suoi picchi e non svuotandosi troppo nei suoi minimi.
    Detto questo vi elencherò 5 passi molto generici che però fanno parte del metodo di lavoro spesso più consigliato, non sono invasivi al punto da limitarvi e costringervi magari a un metodo molto dritto e sono di una semplicità così unica che vengono sottovalutati.

    1) Ascoltare il vostro brano.
    No, non nel senso ballandolo.
    In missaggio l'ascolto non si fa ad occhi chiusi e sognando, ma si fa anche con gli occhi.
    Tutti i vostri sequencer hanno dei modi per segnalarvi le clip oppure per dirvi quando un segnale è troppo vicino alla soglia.
    Voi non dovete fare altro che partire da questo e non dovete pensare ancora nemmeno all'equalizzazione, difatti se evitate di iniziare il missaggio che già durante l'arrangiamento lo avete riempito di compressioni e plugin è meglio.
    I Fader sono vostri amici, limitatevi ancora ad abbassare il volume dei singoli canali, in quanto anche se non compressi i suoni se sono ripresi bene non avranno mai una dinamica che è impossibile non mandare in clip, e regolate anche i vari pan, in modo da avere una migliore distinzione tra i singoli suoni.
    Detto questo la domanda è “Ma in base a quale criterio abbasso o alzo i Fader”, arriviamo al secondo punto allora

    2) La regola dei -4db.
    Strausatissima, una sorta di legge che va un pochino capita e non è un trucco per far suonare meglio i vostri brani ma per rendere più funzionale il vostro metodo.
    Trovate un canale che secondo voi suona male, va in clip, distorce e abbassatelo a -4db.
    Il perché è semplice, avete preso un canale e vi siete impostati una soglia di partenza che eseguirete con tutti gli altri canali e che vi aiuteranno ad ottenere un punto bilanciato che poi con il tempo finirete con il fare con il solo utilizzo del vostro orecchio.
    Si tratta semplicemente di “Ok ho fatto qualcosa, ora il suono lo sento ancora o è troppo basso?” se il suono è presente e non va in clip o risulta ancora troppo alto avete fatto quello che dovevate, lasciatelo li.
    Vi sorprenderete ad ascoltare alla fine del risultato un brano che nonostante non sia incredibilmente acceso non suoni troppo male.
    “Not Bad Sir!”

    3) Trovare la vostra partenza.
    Come già detto nel missaggio non si saltella, non si deve fare quasi mai.
    Se si lavora confusi il missaggio è confuso.
    Matematico!
    Io di solito parto nel mio punto preferito del brano, che sia un ritornello o una strofa e inizio con l'idea di farlo suonare il più perfettamente possibile.
    Se sarete in grado di ottenere un risultato decente solo in quel punto vi assicuro vi ritroverete a lavorare spontaneamente al resto con più facilità, ovviamente sempre avanzato o retrocendo in blocco, perché ormai imposterete la vostra soglia (Come la regola dei -4db, infondo si tratta sempre di ordine).

    4) Usare sapientemente i plugin
    Arrivati al nostro primo vero lavoro nel punto da noi scelti dobbiamo capire che cosa fare, prima di pompare i volumi dobbiamo ancora fare in modo che suonino bene tra di loro.
    Come la vernice sul muro bisogna dare più mani.
    Prima spalmate una bella dose di equalizzazione, distribuendo bene le frequenze, poi una bella mano di pulizia con i plugin e poi effettistiche varie, tutto con calma e ovviamente con riflessione.
    Ad esempio non servirà mai a nulla prendere una batteria intera e comprimerla per poter alzare il volume, oltre che molto errato è un ragionamento che va fatto in altro modo.
    Esempio.
    Prima facciamo che la batteria intervenga bene con il basso, poi che abbia i giusti volumi tra i singoli pezzi (Rullante, cassa e compagnia) e poi interveniamo se serve con le dinamiche.
    Poi lavoriamo sulle chitarre, cerchiamo un lead, e magari giochiamo un po' tenendo conto il basso, magari saturandolo un poco per farlo emergere di più e così via.
    Quando avremo ottenuto un discreto risultato prendiamo una bella pausa e ascoltiamo il tutto una volta bypassandolo e un'altra con i plugin attivi.
    Se il risultato con un plugin non migliora o lo avete settato male oppure è inutile.
    Qui arriviamo al punto che preferisco.

    5) Usare ciò che serve nel modo che possiamo.
    Troppo stroppia.
    Il gate per eliminare ad esempio i respiri è, IMHO, una cosa un po' assurda. Molti amatori lo fanno, ma i professionisti lo sconsigliano.
    Avete dei rumori su un cantanto, fate dell'editing, non usate i plugin che sennò create solo caos.
    Dovete sempre considerare che una voce che non ha bisogno di gate, non deve ritrovarsi a passare dentro un gate per risolvere un problema ovviabile tramite un po' di pazienza.
    Magari di tutto quello che ho scritto questo genere di accortezze sono le migliori.

    Questo è la mia linea generica, però se funziona sarò lieto di approfondirlo con ulteriori articoli dedicati non al lato tecnico ma al metodo di lavoro.
    The Marphoi Project
     
    11 Mag 2013
    #1
    A edad2ooo, Caso90, Djstione e 16 altri utenti piace questo messaggio.
  2. EvanMusic

    EvanMusic Utente Molto Attivo

    Registrato:
    12 Lug 2011
    Messaggi:
    256
    "Mi Piace" ricevuti:
    73
    Sequencer:
    Fl Studio - Studio One - Cubase - Ableton
    Ottima guida ;)
     
    12 Mag 2013
    #2
  3. Lloyd Farter

    Lloyd Farter Vincitore Canzone del Mese

    Registrato:
    19 Set 2008
    Messaggi:
    542
    "Mi Piace" ricevuti:
    335
    Grazie.
    Fatemi sapere perché vorrei fare una seconda guida con altri argomenti utili da sapere per un novizio! :)
     
    13 Mag 2013
    #3
    A jacopoj piace questo elemento.
  4. EvanMusic

    EvanMusic Utente Molto Attivo

    Registrato:
    12 Lug 2011
    Messaggi:
    256
    "Mi Piace" ricevuti:
    73
    Sequencer:
    Fl Studio - Studio One - Cubase - Ableton
    Sisi se hai il piacere di farne una seconda certo, sono utilissime
     
    13 Mag 2013
    #4
  5. Blackhat

    Blackhat Duke Nukem Super Moderatore

    Registrato:
    28 Gen 2010
    Messaggi:
    8.480
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.960
    potresti approfondire punto per punto..un punto = un articolo..inserendo qualche esempio ecc..ciao!
     
    13 Mag 2013
    #5
  6. Luo

    Luo Utente Molto Attivo

    Registrato:
    12 Mar 2013
    Messaggi:
    278
    "Mi Piace" ricevuti:
    97
    Sequencer:
    Ableton Live
    Spettacolare guida!
    Sono un novizzissimissimo e la guida mi è stata più che utile!
     
    13 Mag 2013
    #6
  7. ortix

    ortix Partecipante

    Registrato:
    10 Gen 2011
    Messaggi:
    94
    "Mi Piace" ricevuti:
    10
    Sequencer:
    FlStudio / LogicPro
    Bella guida...
    Hai dimenticato una piccola cosa, che secondo me puo causare confusione sopratutto tra i neofiti.
    Il fatto di abbassare i fader del volume funziona su suoni campionati ovviamente, i quali hanno, '' si spera'' un Gain di segnale ragionevole.
    Se io pero abbasso i fader del volume ad esempio di un vst, il Gain (e i relativi decibel) non diminuirà mandando lo stesso i clip una traccia.
    :)
     
    13 Mag 2013
    #7
  8. EvanMusic

    EvanMusic Utente Molto Attivo

    Registrato:
    12 Lug 2011
    Messaggi:
    256
    "Mi Piace" ricevuti:
    73
    Sequencer:
    Fl Studio - Studio One - Cubase - Ableton
    Puoi spiegarti meglio? questa cosa mi interessa :)
     
    13 Mag 2013
    #8
  9. Blackhat

    Blackhat Duke Nukem Super Moderatore

    Registrato:
    28 Gen 2010
    Messaggi:
    8.480
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.960
    se il segnale sorgente distorce, abbassare fader del ch mixer associato al sorgente abbassa il volume ma il segnale resta comunque distorto. nel caso di una registrazione dovrai fare un'altra take, nel caso di un vst dovrai abbassare il gain sul plugin.. :coffee:
     
    13 Mag 2013
    #9
    A xerox e EvanMusic piace questo messaggio.
  10. EvanMusic

    EvanMusic Utente Molto Attivo

    Registrato:
    12 Lug 2011
    Messaggi:
    256
    "Mi Piace" ricevuti:
    73
    Sequencer:
    Fl Studio - Studio One - Cubase - Ableton
    Ah si certo certo, avevo capito tutt'altro :rolleyes:
     
    13 Mag 2013
    #10
  11. SKAE

    SKAE Vincitore della canzone del mese Utente VIP

    Registrato:
    2 Feb 2011
    Messaggi:
    949
    "Mi Piace" ricevuti:
    531
    Sequencer:
    Fl Studio 12
    Seconda guida consigliatissima, vai!! Bellissima guida :)
     
    13 Mag 2013
    #11
  12. KillerBass

    KillerBass Utente Attivo

    Registrato:
    12 Gen 2013
    Messaggi:
    133
    "Mi Piace" ricevuti:
    23
    Sequencer:
    FL Studio 12, Reaper
    Good. :bye:
     
    14 Mag 2013
    #12
  13. KillerBass

    KillerBass Utente Attivo

    Registrato:
    12 Gen 2013
    Messaggi:
    133
    "Mi Piace" ricevuti:
    23
    Sequencer:
    FL Studio 12, Reaper
    Senti ma quando scrivi:"Prima spalmate una bella dose di equalizzazione, distribuendo bene le frequenze, poi una bella mano di pulizia con i plugin e poi effettistiche varie."

    Per pulizia cosa intendi di preciso?
     
    14 Mag 2013
    #13
  14. maurone dj

    maurone dj Eroe del Forum

    Registrato:
    10 Ott 2007
    Messaggi:
    690
    "Mi Piace" ricevuti:
    514
    Penso si parli di equalizzazioni principalmente sottrattive, ossia filtri passa alti e bassi a seconda della traccia, cercando di non distruggerne il suono ma togliere le frequenze inutili :)
     
    14 Mag 2013
    #14
    A roby_pro piace questo elemento.
  15. KillerBass

    KillerBass Utente Attivo

    Registrato:
    12 Gen 2013
    Messaggi:
    133
    "Mi Piace" ricevuti:
    23
    Sequencer:
    FL Studio 12, Reaper
    Ah ok, grazie della delucidazione. ^^
     
    15 Mag 2013
    #15
  16. Lloyd Farter

    Lloyd Farter Vincitore Canzone del Mese

    Registrato:
    19 Set 2008
    Messaggi:
    542
    "Mi Piace" ricevuti:
    335
    Scusate l'assenza!
    Però vi siete risposti da soli in più punti...

    Comunque chiarisco un punto.
    Se il materiale di cui avete a disposizione va in clip al primo passaggio o peggio risulta distorto, è consigliato ripartire da zero.
    Questo perché ore e ore a equalizzare una chitarra snaturandola e cercando di levare le frequenze rovinate (Per intenderci) sono troppe in confronto a quei 3 minuti che passereste a registrarla di nuovo.

    Guarda non conosco tutte le Daw, però ad esempio Cubase ti da anche il master del Vst nel mixer.
    Comunque se va in clip te lo dice anche il vst.
    A meno che uno usa qualche assurdo vst che non ti dice il segnale in uscita, tra quelli Free capita e in quel caso è meglio trovarsene un'altro più evoluto.


    Per il resto sono sommerso ma non mi sono dimenticato di fare una seconda parte, appena riesco la riordino e la posto! :)
     
    16 Mag 2013
    #16
    A KillerBass e EvanMusic piace questo messaggio.
  17. Reborn

    Reborn Partecipante

    Registrato:
    2 Nov 2015
    Messaggi:
    36
    "Mi Piace" ricevuti:
    8
    Sequencer:
    Ableton
    Questa per me é una manna dal cielo.
    Finalmente una linea guida da seguire o da prendere come punto di partenza, soprattutto per gente inesperta come me che magari tende a fare il tutto subito e contemporaneamente ,affinché il prodotto sia pronto il prima possibile in modo da poterlo ascoltare, ma con scarsissimi risultati. Grazie!
     
    17 Nov 2015
    #17
    A DJSIMOS piace questo elemento.