1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.
Nascondi Avviso
Desideri un tema scuro per MusicaDigitale?

Registrati e imposta la modalità notte!

Clicca qui per scoprire come attivarla!

Modificare i BPM di un brano utilizzando la funzione Strech audio

Discussione in 'FL Studio' iniziata da Dj Fugo, 19 Feb 2021.

  1. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    691
    "Mi Piace" ricevuti:
    142
    Ciao a tutti, dopo anni di utilizzo di FL studio voglio provare ad andare più a fondo nella questione, spesso sento il bisogno di cambiare i BPM del mio brano, il grosso problema che in genere si incontra quando si fa questo tipo di operazione però è il timing di tutti i file audio che abbiamo nel progetto che non adattandosi ai bpm che impostiamo usciranno inevitabilmente dalla griglia portandosi fuori sync col progetto. Mettiamo quindi di avere basso batteria MIDI ed una partitura di chitarra registrata in Audio formato wav, cambiando i bpm del brano quest'ultima non cambierà e quindi avremo basso batteria veloci e chitarra lenta e fuori sync, A MENO CHE, non impostiamo questa funzione chiamata Strech, anzichè resampling. Ecco, volevo informarmi riguardo questa funzione "Strech", perché io l'ho sempre usata per cambiare eventualmente il pitchbend degli audio ma non sapevo potesse rendersi utile anche per sincronizzare i file audio alla griglia. Chiedo a voi qualche spiegazione in merito, cosa cambia tra strech, resampling, e3generic, e2transient eccecc. Spero di essermi spiegato, grazie a tutti!
     
    19 Feb 2021
    #1
  2. Ale2001

    Ale2001 FL Studio Helper

    Registrato:
    28 Ago 2015
    Messaggi:
    557
    "Mi Piace" ricevuti:
    345
    Sequencer:
    FL Studio, Adobe Audition
    Ciao, innanzitutto ti rispondo direttamente alla domanda posta.
    Queste sono le modalità di stretching che FL mette a disposizione. Ti faccio un brevissimo riassunto di cosa cambia tra una e l'altra.
    - Resample: questa modalità cambia il pitch quando i BPM del progetto cambiano o se modifichi dalla playlist la durata della traccia con l'opzione Stretch attiva (nella playlist e non nel sampler o nelle impostazioni della clip audio).
    - Stretch: funziona bene con qualsiasi tipo di clip e ha la particolarità di funzionare anche se il tempo viene cambiato durante il playback, ad esempio attraverso un'automazione. Al variare del tempo, il pitch non cambia. Si consiglia di utilizzare questa modalità solo se si vuole effettivamente andare ad automatizzare il tempo nel progetto. Se il tempo rimane sempre uguale, allora si consiglia di utilizzare una tra le due opzioni sotto la voce Elastique che vedremo di seguito. Questo perché funzionano generalmente in modo molto simile e sono molto più leggere sulla CPU, in quanto i calcoli per lo stretching non vengono fatti durante il playback.
    - e3 Generic: è la funzione che si consiglia di utilizzare generalmente (sempre se i BPM non sono automatizzati in nessun modo) visto che è quella che funziona meglio con la maggior parte di strumenti e di combinazioni di strumenti. Oltretutto, è molto leggera sulla CPU durante il playback.
    - e3 Mono: simile alla e3 Generic, ma consigliata nel caso di tracce vocali o strumenti monofonici. Anche questa, molto leggera sulla CPU, ma da utilizzare solo se i BPM non sono automatizzati.
    - Slice Stretch e Slice Map: si utilizzano solitamente con i loop di percussioni. Solitament sui loop di percussioni funzionano meglio delle e3, ma non sempre. Consiglio di provare una di queste opzioni e anche e3 Generic, poi scegli in base a quella che ti soddisfa di più volta per volta. Generalmente Slice Stretch funziona meglio se devi velocizzare un loop, mentre Slice Map funziona meglio se lo devi rallentare.
    Tutte quelle che vedi invece nella parte destra, sotto la voce Legacy Elastique, sono presenti solo per garantire retro compatibilità con versioni precedenti di FL. Quelle a sinistra sono la versione aggiornata e che funziona molto meglio di quelle a destra. Quindi non preoccuparti più di tanto di quelle.

    In poche parole, quando vuoi utilizzare qualche funzione di stretching. Vuoi che il pitch cambi? Usa Resample. Vuoi automatizzare i BPM e vuoi che il pitch rimanga sempre uguale? Usa Stretch. Non vuoi automatizzare i BPM e non vuoi cambiare il pitch variando il tempo? Usa e3 Generic, a meno che non hai una vocal e a quel punto prova anche e3 Mono e vedi quale ti piace di più. Hai un loop di percussioni? Usa una tra Slice Stretch o Slice Map, ma prova anche ad usare e3 Generic e scegli quella che ti piace di più.

    Ora, ti ho fatto un breve riassunto di quando e perché devi utilizzare queste modalità, ma se vuoi veramente capire bene tutto quello che c'è da sapere sullo stretching in FL, guarda il video che ti metto qui sotto. Viene spiegato veramente bene con esempi quando e come usare queste modalità, come interagiscono con altri parametri in FL, cosa è meglio fare e cosa non è consigliato fare in diverse situazioni e come utilizzare bene tutti gli strumenti che FL offre su questo aspetto. Ti consiglio di guardarlo per bene perché in 10 minuti ti fa veramente un bel riassunto con esempi e spiegazioni. Sono sicuro che risponderà a tutti i tuoi dubbi.
    Questo è il video:FL Studio Guru | Time Stretching Audio Clips - YouTube
     
    Ultima modifica: 19 Feb 2021
    19 Feb 2021
    #2
    A Lux Aeterna, Solve Coagula e AED piace questo messaggio.
  3. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    691
    "Mi Piace" ricevuti:
    142
    Ciao Ale, grazie di essere passato! Impeccabile come sempre, grazie sia per la spiegazione che per il video tutorial! Ho già iniziato ad effettuare esperimenti e sulla chitarra mi trovo molto bene con la funzione Strech, mentre sugli strumenti ritmici effettivamente il suono migliore si ottiene con Slice! Il bello della funzione strech è proprio che posso cambiare bpm al brano e modificare anche tutti i file audio presenti nel progetto, fantastico! Chissà se esisteva gia nella versione 9 di fl questa cosa..suppongo di si, e non la sapevo! In genere non uso mai automazioni sul tempo generale della traccia ma se dovessi farlo ho capito che l'unica funzione a non modificarti il pitchbend è la modalità Strech.
    Poi vedo che ogni volta che modifichi i bpm fl ti chiede "Restrech all channels now"? E questo tradotto vuol dire "vuoi cambiare pitchband a ogni suono o vuoi lasciarlo invariato"? Quindi se acconsenti, credo che cambi pitchbend a tutti, altrimenti lascia il suono nella sua chiave originale, e a seconda dell'opzione che hai scelto otterrai un suono meno "sgranato" o più "sgranato", meno gradevole o più..diciamo.
     
    22 Feb 2021
    #3
  4. Ale2001

    Ale2001 FL Studio Helper

    Registrato:
    28 Ago 2015
    Messaggi:
    557
    "Mi Piace" ricevuti:
    345
    Sequencer:
    FL Studio, Adobe Audition
    No, nella versione 9 di sicuro no. Se non ricordo male tutte queste funzioni di stretching più avanzate sono state introdotte nella versione 12.3 e migliorate volta per volta nelle successive.
    Questo te lo chiede se utilizzi qualsiasi opzione, tranne le due che stanno sotto la voce Realtime, cioè Resample e Stretch. Succede perché con tutte le opzioni tranne quelle due citate, FL effettua i calcoli necessari allo stretching quando effettui il cambiamento di BPM e si salva il risultato che verrà suonato durante il playback. FL vuole sapere quindi se deve effettuare nuovamente i calcoli con il nuovo tempo inserito o meno. Ecco il perché di quella finestra.
    Tutto ciò non succede con le due opzioni citate prima perché i calcoli con queste due opzioni selezionate vengono effettuati a prescindere e durante il playback, quindi non c'è bisogno di chiedere se intervenire o meno.
     
    22 Feb 2021
    #4
    A Dj Fugo piace questo elemento.
  5. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    691
    "Mi Piace" ricevuti:
    142
    Grazie Ale! Quindi ho capito così anche il perché cambia pitch quando clicchi Yes, perché fa i suoi calcoli per adattare gli audio al nuovo tempo probabilmente! Interessante!
     
    25 Feb 2021
    #5