1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Multibus, articolo interessante

Discussione in 'Audio Professionale' iniziata da gian73, 14 Ago 2017.

  1. gian73

    gian73 Eroe del forum Utente VIP

    Registrato:
    13 Apr 2016
    Messaggi:
    284
    "Mi Piace" ricevuti:
    116
    Sequencer:
    logic x
    Volevo condividere questo articolo con voi:
    http://blog.audient.com/post/29328828590/multibus
    Ho fatto un paio di prove a volo con dei loop ed i primi risultati mi hanno dato maggiore separazione, ma al tempo stesso coesione tra gruppi specifici di strumenti.
    Chiaramente ho fatto un veloce trattamento delle singole tracce, prima di attivare i bus
    Vorrei sapere da i più esperti, pregi e difetti di questa tecnica.
     
    14 Ago 2017
    #1
    A 3lackrose piace questo elemento.
  2. Division

    Division Eroe del Forum

    Registrato:
    30 Giu 2009
    Messaggi:
    6.170
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.328
    Sequencer:
    Ableton live 10
    io lavoro spesso in multy pero solo su gruppo drum e gruppo drum/sub e i risultati son eccezionali... soprattutto il multibanda sul gruppo drum fa la differenza ... su ableton i bus sono i gruppi per intebderci
     
    14 Ago 2017
    #2
  3. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    778
    "Mi Piace" ricevuti:
    586
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Elencare pregi e difetti non è a mio avviso possibile.
    Piuttosto si può tentare di sviscerare l'argomento in maniera più approfondita.
    E' necessaria una "breve" introduzione.

    La tecnica in questione è legata al nome di Micheal Brauer.
    Mix engineer e produttore, una vita passata dietro al banco. Grandi crediti.

    Sintetizzando:
    Un bel giorno si trova con le spalle al muro perché il caro vecchio compressore sul master, che fino a quel momento aveva sempre svolto il suo lavoro egregiamente, non riesce a gestire l'ammontare di low end richiesto dal cliente.
    Da qui l'idea di suddividere il lavoro tra più compressori.

    Una cosa importante che il link che hai postato si dimentica di far presente, oltre a diversi altri aspetti, è che Brauer ha sviluppato ed articolato tale tecnica in diversi anni di mixing.
    Perciò, per tutti coloro che vogliono avventurarsi, secondo me meglio andare un passo alla volta.

    E il primo passo è, opinione mia, spingere la tecnica classica al limite.
    Tenendo a mente che con essa si possono fare mix ottimi.
    Non necessariamente bisogna instaurare situazioni complicate per ottenere i risultati.
    Poi, nel momento in cui si sentirà la necessità di inserire elementi aggiuntivi al proprio metodo e si è in grado di giustificarne a pieno il perché, tutto è lecito.

    Il set up che Brauer utilizza non è fisso. Ogni tot tempo cambia processori e comunque va detto che ha a disposizione una tonnellata di hardware oltre a quelli che andrò ad elencare, che però vengono generalmente utilizzati per scopi differenti dal processing sui bus.
    Per precisione aggiungo che molte delle macchine che utilizza sono customizzate, quindi potrebbero avere una risposta anche molto diversa da quella che si può immaginare chi conosce tali processori.

    In totale abbiamo 4 bus + il master, ovviamente.
    Ad ogni bus vengono assegnati elementi che "rispondono bene" alle caretteristiche dell'hardware inserito.
    (La descrizione della funzione di ogni bus è da prendere con le pinze, estremamente generica, in realtà non ci sono regole)

    - Bus A ("Stereo" bus) - Neve 33609 + Coppia di Pultec EQP-1A3: Elementi con molto sustain.
    - Bus B ("Bottom" bus) - Coppia di Empirical Labs Distressors (settati in "british mode"): Fondamenta del brano. Solitamente batteria + basso.
    - Bus C ("Mid" bus) - Pendulum Audio ES-8: Chitarre.
    - Bus D ("Background vocals" bus) - Tfpro P8 Edward the compressor: Di norma riservato ai cori, possono essere assegnati altri elementi da cui si vuole ottenere maggiore apertura stereo (tale compressore è equipaggiato con una sezione di widening).

    La voce principale è processata con un set di compressori in parallelo. Alcuni introvabili.
    Distressor, Fairchild, 1176, Federal e altre macchine che più che compressori sembrano delle casseforti :ROFLMAO:.
    Usa diverse cose a seconda del suono che gli interessa tirare fuori.
    Dopo di che è generalmente inviata direttamente al master.

    Oltre tutto questo, vi sono da fare ulteriori considerazioni.

    - Qualunque bus può essere inviato a qualunque bus
    - Qualunque elemento può essere inviato a più bus contemporaneamente
    - Qualunque elemento può essere inviato ad uno o più bus e contemporaneamente al master bus, innescando quella che si può definire compressione parallela
    - Nel caso in cui la tecnica multibus non sia "appropriata" per il brano, si ritorna al processing classico, che nel set up illustrato è composto dal Bus A, il quale viene inviato al master, dove a prescindere dalla tecnica utilizzata (multibus o classica) troviamo, dopo il Bus compressor dell'SSL (Brauer attualmente è su SSL9000) un ulteriore serie di compressori ed eq (i quali non è detto che vengano sempre/tutti utilizzati).

    Quindi, l'ultimo punto, nonostante non dia facili risposte al tuo quesito iniziale, credo sia l'unica sensata.
    L'approccio multibus prevede al suo interno un eventuale ritorno alla tecnica "base".

    Al fine di comprendere eventuali vantaggi e svantaggi, l'unica strada a mio avviso è sperimentare la tecnica su un certo numero di mix per poter tirar fuori delle conclusioni.

    Da sottolineare che, la mole di compressori utilizzata, non lavora solo ed esclusivamente al fine di gestire la dinamica.
    E' sicuramente parte della loro funzione, al tempo stesso non è lo scopo ne unico ne principale.

    Immagino che qualcuno si stia chiedendo se un set up similare sia fattibile ITB.
    Diciamo che ITB possono presentarsi delle problematiche che rendono difficile il tutto.
    Oltre non mi sbilancio e in più tralascio molto volentieri considerazioni di altro tipo.

    Per concludere...

    Alcune denominazioni/hardware che ho utilizzato/elencato possono differire da altre fonti. Esistono varie versioni della tecnica. Non è importante. Quello che conta è il concetto di base.

    In più aggiungo che ho grattato solo la superficie.
    La "lista dei giocattoli" che ho discusso non ha nessuna correlazione con la "validità" del metodo.
    (Che è una maniera elegante di dire che serve a poco).
    Non è l'uso della macchine in se (vere o sotto forma di plugin che siano) a dare il risultato, come al solito.
     
    17 Ago 2017
    #3
    A adlibitum piace questo elemento.
  4. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    618
    "Mi Piace" ricevuti:
    126
    Ciao! Scusa volevo provare questa tecnica ma non riesco a capire come fare su Cubase, per esempio non mi è chiaro come inviare un singolo elemento a più bus. Se vedi nella foto che ho allegato, il programma mi consente di inviare un elemento ad un singolo bus. Ci sono dei modi alternativi? Grazie!
     

    Files Allegati:

    18 Ago 2017
    #4
  5. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    778
    "Mi Piace" ricevuti:
    586
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Per le daw che non danno la possibilità di assegnazione multipla, il trucco è usare le aux.
     
    18 Ago 2017
    #5
    A IDK piace questo elemento.
  6. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    618
    "Mi Piace" ricevuti:
    126
    Non ho presente le aux..potresti spiegarmi tu? Sarebbe tanto bello:rolleyes:
     
    18 Ago 2017
    #6
  7. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    778
    "Mi Piace" ricevuti:
    586
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Premetto che non uso Cubase. Quindi potrei sbagliarmi.

    In Cubase dovresti avere nei canali la dicitura "Send".
    Da li, se hai creato dei bus (che se non ricordo male sono "Groups" in Cubase) puoi scegliere a quale inviare il segnale.

    In pratica devi fare quello che fai quando usi gli effetti ma non in insert.
    Invii la traccia ad un altro canale con una mandata. Quindi "duplichi" la traccia stessa.

    Se perdi 5 minuti ci stanno un miliardo e mezzo di tutorial che ti spiegano il routing essenziale della tua DAW.
    Da non dimenticare il caro vecchio e glorioso manuale.
     
    Last edited: 18 Ago 2017
    18 Ago 2017
    #7
  8. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    618
    "Mi Piace" ricevuti:
    126
    Si gia lo utilizzo questo metodo di mixaggio con le mandate...sospettavo infatti che le aux fossero le mandate. Ed è concettualmente la stessa cosa che inviare a più canali gruppo una singola traccia quindi, con la sola differenza che ogni modifica fatta sulla traccia send (eq per esempio) non modifica anche la traccia al quale invii il suono, quest'ultima rimane tale e uguale a quella che è, e viene sommata alla traccia in mandata che gli stai inviando. Quando lavori sul bus invece, ogni modifica che fai sulla traccia gruppo, che sia per esempio di equalizzazione, comporta la stessa modifica anche sulla traccia che hai inviato al group. C'è questa piccola differenza che mi aveva fatto dubitare un attimo. Comunque si possono fare tante cose anche in mandata, anzi, non c'è che dire, puoi veramente creare un sacco di combinazioni interessanti.
    Invece il bello del lavorare coi groups, secondo me, è che non ti fermi mai nell'invio di tracce a group che poi entrano in un altro (singolo) group, che poi entra in un altro group al quale magari hai fatto entrare anche un altro strumento o insieme di strumenti. In digitale la cosa funziona così, "tanti singoli elementi possono essere inviati un solo gruppo, ma un singolo elemento non può essere inviato a più gruppi contemporaneamente".
    Spero di essermi fatto capire(y)
     
    19 Ago 2017
    #8
  9. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    778
    "Mi Piace" ricevuti:
    586
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Purtroppo ho capito poco di quello che hai scritto.

    Provo a spiegare il senso della tecnica nella maniera più semplice possibile.
    Sono abbastanza convinto che si possa applicare in qualunque DAW, l'unica cosa è che ognuno deve trovare il modo di farlo nella propria.

    Ammettiamo uno scenario molto semplice.
    Batteria, basso, voce, chitarre.

    Decido che per mixare userò soltanto 2 bus.

    Assegno i canali di batteria e quello del basso al bus 1, dove ho in insert un compressore.
    Assegno i canali di chitarra al bus 2, dove ho in insert un altro compressore.
    Il canale dove ho la voce non lo assegno a nessun bus, quindi va direttamente al master.

    Decido che voglio influenzare l'andamento del compressore sul bus 2 (chitarre) anche dal basso.

    Vado sul canale del basso e (in qualche modo consentito dalla DAW -con una mandata dovrebbe funzionare-) lo invio anche al bus 2 (quindi mi ritrovo col basso sia nel bus 1 che nel bus 2).

    Fine. Ho ottenuto quello che volevo.
     
    19 Ago 2017
    #9
    A Dj Fugo piace questo elemento.
  10. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    778
    "Mi Piace" ricevuti:
    586
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Il "giochetto" di usare le mandate per assegnazione multipla ai bus funziona se la tua DAW non fa distinzione tra bus e aux.

    In alcune DAW devi andare a selezionare la funzione del canale tramite le opzioni canale.
    Quindi devi selezionare la funzione "bus" e "aux" insieme. In maniera tale che il canale che crei sia entrambe le cose.

    La funzione dei 4 bus è quella di essere l'ultimo stadio di processing prima del master.
    Prima di essi puoi fare quello che vuoi.
    Personalmente non sento limitazioni nell'uso di questa tecnica e il routing generale prima dei bus che utilizzo può essere anche molto complesso.

    Mi viene difficile ipotizzare tutte le casistiche, quindi mi limito a dire che ognuno ha il suo flusso di lavoro e non tutte le tecniche vanno bene per tutti.

    Generalmente è come dici ma credo che alcuni software adesso diano la possibilità di farlo senza "giri".
    Comunque se si ha la possibilità di usare le mandate per fare il tutto, non hai nessun problema.

    Purtroppo discuterne sul forum è un po difficoltoso, peggio se si ragiona su DAW differenti.
    Spero di aver chiarito più aspetti possibile.



    Tenete conto che stiamo parlando di un approccio particolare, per niente intuitivo, di cui sarebbe molto meglio discutere dal vivo di fronte ad una sessione.
    Anzi, per spiegarsi bene è in realtà l'unico modo, non è un caso che ho tralasciato vari aspetti dall'inizio.

    Se ci fosse necessità di altri chiarimenti, posso provare a rispondere.
     
    Last edited: 19 Ago 2017
    19 Ago 2017
    #10
  11. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    618
    "Mi Piace" ricevuti:
    126
    Grande Sky hai spiegato molto bene;), molto meglio di me sicuro haha. Beh ma non si organizzano ritrovi tra noi del forum? Sarebbe bello trovarsi nei nostri studi, farsi due chiacchere sui propri plugin preferiti, magari mostrare il proprio metodo di lavoro che ognuno ha il suo, e i suoi tricks, cresceremmo un sacco tutti quanti!:X3::love: Chiedo a te perché non so nulla riguardo cene o ritrovi di Musica digitale!
     
    20 Ago 2017
    #11
  12. Tony Black

    Tony Black Mixing addicted Utente VIP

    Registrato:
    7 Lug 2016
    Messaggi:
    778
    "Mi Piace" ricevuti:
    586
    Sequencer:
    Samplitude Pro, ProTools, Reaper
    Beh...per discutere del topic in maniera produttiva bisognerebbe trovarsi in una situazione appropriata.
    Poca persone e un acustica degna.

    In generale però mi sembra una bella idea...una cena magari organizzata dai gestori di MD.

    Chissà il futuro cosa riserva :)
     
    20 Ago 2017
    #12
    A Dj Fugo piace questo elemento.
  13. Dj Fugo

    Dj Fugo Colonna del Forum

    Registrato:
    22 Ago 2008
    Messaggi:
    618
    "Mi Piace" ricevuti:
    126
    Siii pensa che bello conoscerci tutti finalmente di persona e davanti ad una buona pizza con birra artigianale parlare di audio-musica-software, stringere nuove amicizie e collaborazioni, be...buttiamogliela lì haha:sneaky::p
     
    21 Ago 2017
    #13