1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

Sequencer su hardware - principi di funzionamento

Discussione in 'NostalGear' iniziata da nexus88, 24 Feb 2010.

  1. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    È da qualche giorno che mi sono prefisso di aprire questa discussione. Ovviamente per chi mi conosce, già è ovvio che non sarò io a scrivere alcuna spiegazione. Piuttosto scrivo qualche domanda che mi è venuta in mente mentre provavo il mio nuovo arturia origin, ma anche lo spectralis 2, il korg radias...

    Il sequencer in pratica organizza un suono in una certa sequenza che può essere programmata dall'utente. Questo l'ho capito.

    Ho anche capito che ci sono sequencer a 16 parti altri a 32, in teoria ad ogni parte si può assegnare un tipo di sequenza, che a seconda dell'uso che ne vuole fare l'utilizzatore, può essere selezionata in ogni momento.

    Ma in sè per sè, non ho capito quanto è articolata una sequenza all'interno di un hardware, se per esempio si possono acquistare certi tipi di sequenze, per esempio per musica trance, per semplificare il lavoro a chi vuole fare un determinato stile ad esempio...

    Su un sequencer (step) si possono articolare sequenze di note, attivabili suonando solo un tasto della tastiera?

    Poi, la differenza tra un arpeggiatore e un sequencer, è possibile definirla in due parole: l'arpeggiatore è un sequencer ridotto a poche funzioni? Faccio questa domanda perché spesso ho trovato dei preset su certi synth che avevano il sequencer attivato ma non l'arpeggiatore, e mi era sembrato strano visto che comunque la ritmica era comunque molto elaborata, mi sono quindi chiesto la differenza tra un arpeggiatore e un sequencer, cioè se il sequencer già riesce a fare quello che fa un arpeggiatore, perché dovrei utilizzare un arpeggiatore? L'arpeggiatore serve solo per creare arpeggi su più note? Cioè miscelare su più note per creare una specie di arpeggio, i parametri impostati nell'arpeggiatore?...
     
    24 Feb 2010
    #1
  2. Roby31

    Roby31 Colonna del Forum

    Registrato:
    26 Apr 2008
    Messaggi:
    2.520
    "Mi Piace" ricevuti:
    457
    Sequencer:
    FL Studio
    Il sequencer può suonare una nota programmata, l'arpeggiatore no, funziona solo se sei tu a premere i tasti. Come al solito ti consiglio di leggere, e leggere molto. In questi 4 giorni facevi in tempo a leggere un libro sui sintetizzatori e le loro funzioni lungo 8 o 900 pagine :coffee:
     
    24 Feb 2010
    #2
    1 person likes this.
  3. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Che libro mi consigli di leggere? È possibile programmare su una singola nota una sequenza e su un'altra una sequenza differente, e suonarle allo stesso tempo (parlo di hardware)...
     
    24 Feb 2010
    #3
  4. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.652
    "Mi Piace" ricevuti:
    595
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    dipende molto da qaule tastiera prendi in considerazione..comunuqe in linea di massima..l'arpeggiatore è una sequenza di note che vengono ripetute per 1,2,4 battute ciclicamente...e tiene conto della nota che suoni..all'inizio gli arpeggiatori erano monotimbrici..quindi una nota per volta..ed erano UP, DOWN, UP&DOWN e RANDOM..quindi se premi 3 note..ti fa l'arpeggio di queste 3 note a seconda di cosa hai selezionato..
    con il tempo il discorso si è esteso..da un semplice arpeggio si è arrivati a delle vere e proprie automazioni..fino ad arrivare ad esempio alla funzione KARMA che trovi nei prodotti korg (Korg Karma, M3,M50,Radias) che è una ulteriore evoluzione dell'arpeggio...in pratica premi un tasto..e senti un groove affascinante composto da arpeggi su più suoni..

    Il sequencer è tutta un altra cosa..è un registratore MIDI di quello che suoni..quindi puoi iniziare a registrare oggi e finire domenica prossima..tutto quello che fai..lo registra e te lo riproduce..

    Il midi si gestisce su 16 ch..quindi se il tuo strumento riceve 16 canali midi, puoi registrare 16 tracce MIDI..ovviamente se al pc colleghi 2 tastiere che ricevono 16 ch..potrai registrare 16x2 canali..e così via..

    I limiti di un sequencer interno alla tastiera dipendono dalla sua memoria interna..devi leggere fino a quanti eventi midi gestisce..le tastiere odierne non hanno di questi problemi..
     
    25 Feb 2010
    #4
    1 person likes this.
  5. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    È vero quindi quello che ho pensato io, cioè che l'arpeggiatore e il sequencer hanno caratteristiche simili, quindi bisogna conoscerne le effettive potenzialità per ogni apparecchio, prima di decidere se usare un arpeggiatore o un sequencer? Lasciamo stare i sequencer software, come cubase etc...parlo solo di programmazione hardware...prendiamo i 2 synth che ad oggi sto valutando: l'Arturia Origin e il Korg Radias...hanno entrambi il sequencer e l'arpeggiatore. Col sequencer mi sembra si possano fare molte più variazioni ritmiche che sull'arpeggiatore, quindi riuscire a capirne qualcosa di più sarebbe importante, a primo impatto mi viene da dire che programmare col sequencer un suono dia più possibilità di variazioni che su un arpeggiatore...parlo sempre di queste due funzionalità interne ai due synth di cui ho parlato ora.
     
    25 Feb 2010
    #5
  6. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.652
    "Mi Piace" ricevuti:
    595
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    ma ti piavce tanto stò arturia ?:confused:..comunque all'interno lo chiamano sequencer ma è un arpeggiatore..il sequencer è diverso..sull'arturai puoi crearti dei pattern..che possono essere lunghi 1..2..4 battute..quindi se programmi un riff..ti rifarà sempre questo stesso riff..per intenderci..hai a disposizione Gladiator su pc ? c'è l'arpeggiatore..lo attivi..giocaci un pò..e vedi il funzionamento..il sequencer è molto più avanzato...puoi fare di tutto..puoi programmare 200 battute differenti..premi play e lui ti ripete quello che hai registrato..stessa cosa sul radias..c'è un arpeggiatore..puoi programmare ad esempio un pattern che ti suoni tutto in levare..quindi fai un accordo..sentirai il suono suonare in levare..fai domaggiore..ti suona l'accordo di do maggiore in levare..suoni re..ti suonerà il re...in pratica seguirà il tuo "suonare"..invece il sequencer no..quello registri..quello ti riproduce..l'arpeggiatore è più indicato per le situazioni live..il sequencer è più per la stesura di un brano.
     
    25 Feb 2010
    #6
    1 person likes this.
  7. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Forse ho dimenticato di mettere step prima del termine sequencer, comunque l'arturia origin sembra molto completo a livello di programmazione di suono, forse pecca un pò di polifonia (4 voci al massimo), in effetti mi sono domandato se fosse strettamente necessario prenderli tutti e due, il radias per esempio ha 24 voci mi sembra, ha anche il campionatore se non vado errato, ed ha suoni molto belli. Sinceramente pensavo di integrare un arturia origin col radias, proprio per il problema delle voci, di sicuro quello che esce fuori dall'arturia non uscirà fuori dall'origin, e a livello di suoni non è maluccio l'origin. Notizia brutta che ho ricevuto oggi, che il Fantom XR (modulo sonoro) è fuori produzione...porca miseria...
     
    25 Feb 2010
    #7
  8. empty

    empty Utente Attivo

    Registrato:
    8 Nov 2009
    Messaggi:
    350
    "Mi Piace" ricevuti:
    16
    scusate la mia ignoranza ma a che serve un Sequencer hardware non basta un buon pc/mac che gira a dovere a che serve??
     
    25 Feb 2010
    #8
  9. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Penso io abbia dimenticato di scrivere, step sequencer, perché a quanto pare senza mettere "step" si può fraintendere. Penso un sequencer tipo cubase sia un mezzo meno specifico per un singolo strumento hardware, cioè un sistema che gestisca tutti i tipi di strumenti, mentre un step sequencer lo si può trovare all'interno di alcuni hardware, poi ovviamente io non sapendo la differenza, posso solo immaginare, forse lo step sequencer ha delle sequenze già selezionabili all'interno dell'hardware, quindi subito applicabili a tal suono, piuttosto che un cubase, dove devi creare te stesso le sequenze, e comunque penso che qualcuno di più esperto di me sappia spiegare meglio le differenze.
     
    25 Feb 2010
    #9
  10. SonicBlue

    SonicBlue Eroe del Forum

    Registrato:
    1 Ago 2007
    Messaggi:
    5.694
    "Mi Piace" ricevuti:
    589
    Sequencer:
    Ableton Live 8, Reaper 4
    Ormai qualsiasi Hardware è gestito da un software, sia esso digitale o analogico, di conseguenza lo stepsequencer o il sequencer di una tastiera workstation è un programma, come lo è Cubase, Nuendo, etc

    Poi se trovi comodo lavorare su un LCD da ~7" piuttosto che con un monitor dai 15" in su è un altro discorso
     
    25 Feb 2010
    #10
  11. empty

    empty Utente Attivo

    Registrato:
    8 Nov 2009
    Messaggi:
    350
    "Mi Piace" ricevuti:
    16
    cioè io non capisco propio l'utilità non è meglio una tastiera MIDI muta un pc coi cotrocassi e uno schermo da 20 o due schermi???
    no??? boooo
    corregetemi se dico cassate
     
    25 Feb 2010
    #11
  12. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Si acquista hardware, solo se si hanno esigenze di suono di un certo tipo, con l'hardware si hanno dei suoni che col pc non puoi avere, col pc puoi fare cose che col solo hardware non puoi fare. Io non mi intendo molto, ma su programmi vst non ho trovato i suoni che andavo cercando, tutto dipende dal progetto che andrai facendo secondo me...

    Comunque penso che ci siano differenze tra sequencer hardware e software, solo che non conoscendole ho aperto questa discussione per avere qualche delucidazione in più...

    ---------- Messaggio aggiunto alle 23: 48 ---------- Il messaggio precedente era stato inserito alle 23: 45 ----------

    Io non penso sia così riduttivo il paragone, pur se le stesse sequenze tu le puoi riprodurre su cubase, a livello tecnico si può fare tutto su cubase ed anche molto di più, però non è che uno usa un sequencer hardware perché non ne ha uno software, probabilmente l'interazione tra un sequencer e un'altro, da sicuramente dei vantaggi.
     
    25 Feb 2010
    #12
  13. empty

    empty Utente Attivo

    Registrato:
    8 Nov 2009
    Messaggi:
    350
    "Mi Piace" ricevuti:
    16
    mà se è per l'interazione con il sequencer fai prima a prenderti un bel controller e sei apposto
     
    25 Feb 2010
    #13
  14. SonicBlue

    SonicBlue Eroe del Forum

    Registrato:
    1 Ago 2007
    Messaggi:
    5.694
    "Mi Piace" ricevuti:
    589
    Sequencer:
    Ableton Live 8, Reaper 4
    I sequencer hardware non li fabbricano più da 40 anni quasi, comunque per il discorso di timbrica la differenza tra un synth hardware e uno software, allo stato attuale, è veramente minima, anche perché la maggior parte ha il modulo di generazione sonora gestito da una CPU (il DSP), l'unico svantaggio dell'utilizzo di un compuer è che il suo sistema operativo non è ottimizzato per gestire l'audio in maniera ottimale, contando che alcuni cicli di clock se ne vanno per controllare le cose più inutili (per quanto riguarda l'ambito audio)
     
    26 Feb 2010
    #14
  15. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Ribadisco la mia pochissima conoscenza in materia, ma lo step sequencer di uno strumento hardware non è gestibile tramite controller midi, forse un esperto di linguaggio midi potrebbe riuscirci, ma altrimenti lo stepsequencer è pressochè uno strumento molto utile all'interno dell'hardware.

    ---------- Messaggio aggiunto alle 00: 41 ---------- Il messaggio precedente era stato inserito alle 00: 31 ----------

    A livello generale i sequencer hardware non sono per niente utili, ma a livello specifico, quindi dedicati allo stesso synth per cui lavorano, sono sicuramente uno strumento che facilita la programmazione dei suoni. L'unica cosa che io non ho ancorla capito, è il funzionamento tecnico di uno stepsequencer hardware, per esempio quando trovo un preset che è già preimpostato col sequencer, nell'arturia origin, come anche nello spectralis 2, vedo l'illuminazione dei tasti dedicati alla sezione sequencer, illuminarsi in vario modo, a più velocità a seconda del preset. A volte quando si suona una nota così programmata, vedo una trafila di tasti illuminarsi da una parte all'altra del sequencer, in diferenti direzioni. La sequenza classica è quella che parte dal primo tasto a sinistra, che passa tutti i restanti tasti sino ad arrivare all'ultimo a destra, per poi ritornare al primo di sx. Ma poi ne ho trovate altre, sullo spectralis sequenze che andavano oltre la pulsantiera, insomma forse era questo particolare che volevo conoscere, su quali parametri si agiva per creare questo tipo di sequenze, a parte l'accent che permette di selezionare in quale punto poter ripetere la nota nell'arco della sequenza stessa...
     
    26 Feb 2010
    #15
  16. SonicBlue

    SonicBlue Eroe del Forum

    Registrato:
    1 Ago 2007
    Messaggi:
    5.694
    "Mi Piace" ricevuti:
    589
    Sequencer:
    Ableton Live 8, Reaper 4
    Ogni dispositivo è fornito del suo manuale operativo, forse è il caso di leggerlo
     
    26 Feb 2010
    #16
  17. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Lo leggerò sicuramente, anche perché è scritto molto bene, ma qui non cercavo un consiglio tecnico sull'uso del singolo synth, ma una motivazione sul perché utilizzare lo step-sequencer su hardware, le motivazioni per cui un producer usa lo stepsequencer su hardware...quale effetto di solito ottiene con lo step-sequencer, le differenze generali, non specifiche...perché in un certo senso ci sono pensieri di chi usa questi apparecchi da anni, che posso chiarire meglio l'utilità di tale funzione.
     
    26 Feb 2010
    #17
  18. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.652
    "Mi Piace" ricevuti:
    595
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    i sequencer hardware ormai sono integrati nelle tastiere e sono utilissimi nei live..io ad esmepio mi programmo tutto su pc, con sonar, poi mi riporto le programmazi0oni nel sequencer interno che ho nel roland junoG e dal vivo faccio partire le programmazioni premendo start..molto meglio che portarsi dietro un pc !

    C'è poi chi per problemi di spazio fa tutto con la tastiera workstation, quindi utilizza tantissimo il sequencer interno..ormai le tastiere buone montano tutte un ottimo display, grande e col touch screen..insomma non è tutta stà difficoltà lavorare con un sequencer interno alla tastiera..

    Per l'arturia..lascialo stare e prendi il radias..o meglio ancora se vuoi qualcosa di buono, prendi la korg M3..vattela a sentire..fa di tutto è ha una buona sezione VA, ...ha anche il campionatore..ha il sequencer..ha l'arpeggiatore..ha il K.A.R.M.A...puoi epanderla con la scheda RADIAS e quindi avere il radias nella M3...fidati..vattela a sentire..credo sia quello che fa per te..


    Lo spet sequencer viene usato in programmazione...dal vivo non è che ci si mette a toccarlo..si usano delle programmazioni fatte a priori..step sequencer vuol dire che suona una nota per volta..nulla di che..son "nomi" per catturare l'attenzione..alla fine è un classico arpeggiatore programmabile che trovi ormai su tutte le tastiere.
     
    26 Feb 2010
    #18
    1 person likes this.
  19. nexus88

    nexus88 Utente Attivo

    Registrato:
    14 Gen 2010
    Messaggi:
    395
    "Mi Piace" ricevuti:
    17
    Sequencer:
    Cubase 5.1.1 Logic 9
    Ho provato la korg M3, come mai mi consigli l'integrazione tra M3 e radias? E come mai mi sconsigli l'arturia?
     
    26 Feb 2010
    #19
  20. kernell32

    kernell32 Eroe del Forum

    Registrato:
    16 Mar 2009
    Messaggi:
    2.652
    "Mi Piace" ricevuti:
    595
    Sequencer:
    Sonar - Reason
    perché con la scheda radias, l'm3 acquisisce funzioni di virtual analog e suona anche abbastanza bene..l'arturia non mi piace..sono dei vst messi fuori da un pc..la polifonia è molto limitata..insomma..a mio avviso c'è di meglio..poi ognuno ha i suoi gusti come sempre..
     
    26 Feb 2010
    #20

Le persone hanno trovato questa pagina cercando:

  1. sequencer hardware

    ,
  2. a cosa serve il sequencer

    ,
  3. differenze tra sequencer e arpeggiator

    ,
  4. arpeggiatore e sequencer differenza,
  5. funzionamento step sequencer analogico,
  6. differenza arpeggiatore sequencer,
  7. arpeggiatore principi