1. Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

    Anche senza conservatorio, in pochi mesi fai musica professionale di qualsiasi genere: dall'Epic Hybrid Trailer all'orchestrale fino a pop o musica elettronica. E fai pratica su veri film americani. Otto mesi e più di 145 ore di lezioni serie e approfondite nella Scuola Online #1 d'Italia su Musica e Cinema Digitale, con 17 anni di storia..

    Composizione, Ritmo, Melodia, Armonia, Storytelling, Sequencer, Strumenti Virtuali, Canzoni: impari tutto, senza orari fissi e facendo pratica già dal primo giorno.

    Ottieni la certificazione VFX Wizard Trained Pro™ e scrivi musica efficace, che ha successo con il corso già scelto da principianti assoluti, producers e anche diplomati di Conservatorio di IIº Livello: perché ti insegna tutto, dalle basi al top della musica digitale.

VST Master

Discussione in 'Finalizzazione e Mastering' iniziata da Lil Trigger, 13 Set 2017.

  1. Lil Trigger

    Lil Trigger Nuovo Iscritto

    Registrato:
    13 Set 2017
    Messaggi:
    5
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ciao raga, sono un nuovo iscritto del forum e spero che possiate aiutarmi (e viceversa).
    Uso FL Studio e vorrei capire meglio che tipo di VST dovrei utilizzare ( Equalizzatori, Compressori, Limiter, Maximus ecc. ecc.) e soprattutto in che modo dovrei usarli per lucidare un po' il mix. Vi ringrazio già in anticipo.
     
    13 Set 2017
    #1
  2. cavaliereinesistente

    cavaliereinesistente Divinità del forum Utente VIP

    Registrato:
    25 Ott 2012
    Messaggi:
    3.584
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.993
    Sequencer:
    Avid ProTools, Apple Logic Pro
    Domanda a cui si potrebbe rispondere con un trattato (anzi, più trattati)... ;)
    Ma considerando che è posta in un'ottica di "polishing", mi sentirei di sintetizzare la faccenda suggerendoti una possibile catena (una delle tante possibili, a scanso di equivoci) che può darti buoni risultati. Nell'ordine:
    1) buss-compressor: con ratio moderato (2:1, 3:1), attacco altrettanto (diciamo 10ms), rilascio di preferenza automatico, soglia impostata in modo da ottenere un intervento dolce e ritmico.
    2) equalizzatore: nessun intervento correttivo deciso, ma una semplice "lucidatura" (come giustamente l'hai definita) ad esempio con uno shelving sulle medioalte (>5000Hz), +0.5/+1dB, non oltre, ed idem sulle mediobasse (<200Hz). Non è una cattiva idea anche un LPF lieve (-6dB/oct) sopra ai 10kHz, ed idem sotto ai 60-70Hz.
    3) enhancer: se proprio vuoi, per dare un po'di vivacità armonica; la parola d'ordine è: moderazione. In generale, quando arrivi ad un risultato che ritieni soddisfacente, torna un pelino sui tuoi passi, e quello è il punto giusto.
    4) limiter: brickwall con ceiling poco sotto lo 0dBfs (se hai un limiter true-peak, tipo Sonnox Oxford Limiter, tanto meglio), rilascio automatico se c'è, spintarella dal basso non eccessiva, da valutare in funzione del "volume" d'uscita desiderato (a tal fine, meglio se il limiter è dotato di LUFS meter; il livello finale dipenderà dall'uso a cui è destinato il tuo brano. -16LUFS integrati, oggi, è un buon obiettivo).

    Non pacioccherei oltre; è una catena semplice, pulita, e soprattutto funziona. Non si discosta molto da una tipica catena di mastering, al netto degli interventi correttivi (che lavorando su un proprio mix non hanno molto senso, e probabilmente non si è in grado di individuarne la necessità, altrimenti si sarebbero già corretti in mix).

    Prova e fammi sapere.
     
    13 Set 2017
    #2
    A Solve Coagula, roby_pro, gigiOK e 2 altri utenti piace questo messaggio.
  3. Lil Trigger

    Lil Trigger Nuovo Iscritto

    Registrato:
    13 Set 2017
    Messaggi:
    5
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ti ringrazio
    A proposito di "Limiter".. non mi è abbastanza chiaro il suo funzionamento e soprattutto non ho capito in base a cosa dovrei modificare i vari parametri
     
    14 Set 2017
    #3